Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 867 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 1 04:14:23 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Beole

di Luigi Maffezzoli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/06/2012 20:47:51

La bimba ha gli zoccoletti in mano
per non consumarli
e nell'altra un quaderno con la copertina nera.
E da Beole alla scuola il sentierino è lungo
e pieno di sorprese
e la bimba coglie more
e bacche nere
che ci si può fare l'inchiostro.
E guarda il lago
da quassù è proprio bello
e nessuna ce la porterà.

E quando scende la sera
al ritorno il sentiero è più faticoso
gli zoccoli ancora in mano
e fiori di campo
per mamma che gli piacciono tanto
bella nel suo ritratto
coi bordi neri e i contorni sfumati
e papà sarà tornato dai campi
e si verserà ancora vino.

Poi scende l'inverno
e la sua vita è già cambiata.
La bimba è brava in matematica
fa tutti i conti a memoria
nonna l'attende
ormai vede soltanto ombre
eppure la sente arrivare che è ancora lontana.
E papà non si verserà più vino
e Gianni sarà un bimbo bracciante
e la sorellina non tornerà dai campi
che la morte può prenderti piccola
mentre  spigoli il grano.

La bimba si affaccia
racconta alla nonna la sera che scende sul lago
e col dito indica in alto - Ecco Beole! -
E un giorno sarà mamma anche lei
e tornerà là e tutto sarà come prima
animali e polenta sempre sul fuoco
un'aringa per pranzo
e le primizie in un cesto per il signor Conte.
E i bambini attenderanno Santa Lucia
che porterà in dono aranci e mandarini
e il torrone di Natale.


La bimba smette di sognare
passa un giorno ed è già adulta
piccola cameriera
in una Milano che brucia di bombe
e il lago una favola da raccontare a nuove sorelle
e lei è la più bella di tutte
raccoglie erba matta e qualche fiordaliso
per il piccolo ritratto bordo nero
che ha sul comodino.

E i giorni che passano in un attimo sono ricordi
la bimba è già grande ed è già mamma
aringa e more memoria di sapori.
Ora il tempo ha smesso di correre
la bimba è tornata
senza zoccoletti e senza quaderni
cerca la casa nascosta in mezzo all'erba alta
e il sentiero è stato abbandonato tra le spine
ma lei lo percorre fino in fondo
e la casa non c'è dubbio è quella
vuota e diroccata non sembra più la stessa
ma non c'è un posto migliore
da cui guardare il lago.

La bimba ora ha un'altra casa
coi figli che han preso il posto dei ricordi
si volta ancora un attimo verso la collina
e tradisce nostalgia.
Poi torna alla macchina
e ad un'altra vita
accarezza i piccoli
e racconta la sua storia.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luigi Maffezzoli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luigi Maffezzoli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Questo tempo (Pubblicato il 21/06/2015 20:53:37 - visite: 571) »

:: L’uomo della metropolitana (Pubblicato il 21/04/2013 12:26:27 - visite: 1128) »

:: Queste parole#poesiapoeti (Pubblicato il 17/03/2013 12:29:14 - visite: 1003) »

:: Il musicista del passante ferroviario (Pubblicato il 03/03/2013 11:30:42 - visite: 882) »

:: Capodanno (Pubblicato il 02/02/2013 15:06:05 - visite: 715) »

:: Eocene (Pubblicato il 11/09/2012 00:06:35 - visite: 786) »

:: Il treno per Montrigiasco (Pubblicato il 04/09/2012 00:08:18 - visite: 835) »

:: Briciole d’estate (Pubblicato il 25/09/2011 12:42:06 - visite: 844) »

:: Il vecchio e il lago (Pubblicato il 03/08/2011 20:15:15 - visite: 851) »

:: La tuia in primavera (Pubblicato il 14/05/2011 10:56:51 - visite: 974) »