Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1764 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 16 14:03:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cose da lasciare

di Loredana Savelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/08/2012 09:21:08

Ticchettiamo luno di fronte all’altro.
Tra poco saremo in volo, migratori senza zavorra

eccetto questi sparsi fili bianchi.
Ora dovrei alzarmi e sistemare i maglioni di lana.
La cautela non è mai troppa sulle spiagge artificiali del ricco nord.
Il futuro non sarà più caldo.
Ho conosciuto fuochi implacabili
ma il mare lassù non fa sconti neppure alle balene.

Non ho potuto salutarvi tutti.
Di tutti e ciascuno porto l’immagine compressa in un bit.
Ed è tempo che qualcuno saluti me.
Sventolare fazzoletti nell’attimo del distacco!
Detesto i fazzoletti.
Cosa lasciare, dunque, in questo breve passaggio?
Temo non entri nel bagaglio a mano.
Ricordo il numero del mio posto nella fila
e lo serbo dentro di me.

Aria sotto e sopra, la terra sta in un pugno.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Loredana Savelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non si dovrebbe (Pubblicato il 08/04/2019 08:23:50 - visite: 48) »

:: Fine della poesia (Pubblicato il 06/04/2019 23:22:43 - visite: 55) »

:: senza titolo (Pubblicato il 29/03/2019 11:51:29 - visite: 52) »

:: se primavera (Pubblicato il 20/02/2019 19:42:34 - visite: 72) »

:: Shhh (Pubblicato il 19/02/2019 07:07:38 - visite: 102) »

:: Nel pro_fondo (Pubblicato il 08/02/2019 09:30:42 - visite: 136) »

:: Una propria ragione (Pubblicato il 30/01/2019 08:05:37 - visite: 92) »

:: Haiku (Pubblicato il 27/01/2019 09:19:16 - visite: 111) »

:: Lo scialle (Pubblicato il 18/01/2019 09:51:43 - visite: 94) »

:: acqua e fotoni (Pubblicato il 17/01/2019 10:44:58 - visite: 105) »