Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Anniversario della liberazione d'Italia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Trittico irlandese - inediti


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2012 22:52:05

*

La pioggia si univa compatta alle acque del
Liffey

le nubi giravano basse scurando il meriggio

dei ponti che tagliano odori di vento e di muffa

Strisciando sui muri l’amico sembrava sicuro

di scendere ai lunghi giardini di O’Connell street

ma il giro tornava alle stesse vetrine appannate

pestando i riflessi a colori dei neon precoci

la strada era un fondo di calice appena bevuto

il cielo un ammasso di piume sui bianchi abbaini

Piaceva sentirsi smarriti tra foglie marcite

le guglie incrociavano voli di uccelli tardivi

i bar fabbricavano aloni di tazze fumanti

Di sera un concerto di versi pagò l’avventura

qualcuno spiegava a intervalli le nostre concioni

e forse un inconscio bisogno ci prese la mente

se in casa di amici intonammo poi Vitti ‘na crozza

 

 

*

 

Alla costa dei giganti

il vento piegava le ossa

spingeva le acque a levante

e le ciglia turbava

col salmastro

Scendemmo alla costa

da un picco sperduto

(fornito di home braking and tea)

che rapido si volse

al fuoco di Maeve e delle fate

danzanti dentro cerchi di basalto

Poi nella celtica sera

si sposarono

lune normanne

 

 

*

Perduti tra le corde del tramonto

tienimi la mano

come il sorbo legato alla sua terra

e mentre un gregge

bela verso il mare

dimmi dell’aria morbida che nutre

le tue parole placide e straniere

mite riparo

al giorno che conclude

il lieto viaggio

fino a queste piane

Bianca è la sera

come la mia marna

e se finiamo frasi con un pianto

è per la serie di favole inattese

che mutuano incredibili stupori

rotti soltanto

(ora che cambia il vento)

da un olezzo di pesce lavorato



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Ciro ci ha detto che gli figlia l’asina (Pubblicato il 22/04/2019 12:00:00 - visite: 102) »

:: ante meridiem (Pubblicato il 15/04/2019 12:00:00 - visite: 177) »

:: In memoria (Pubblicato il 08/04/2019 12:00:00 - visite: 208) »

:: Il nome che ti manca (Pubblicato il 01/04/2019 12:00:00 - visite: 204) »

:: Dalla cripta (Pubblicato il 25/03/2019 12:00:00 - visite: 242) »

:: Fiori nati su roccia (Pubblicato il 18/03/2019 12:00:00 - visite: 221) »

:: Rifrazioni (Pubblicato il 11/03/2019 12:00:00 - visite: 237) »

:: Poemas soterrados e desterrados (Pubblicato il 04/03/2019 12:00:00 - visite: 274) »

:: Tempora (Pubblicato il 25/02/2019 12:00:00 - visite: 253) »

:: Essere realtà senza vergogna (Pubblicato il 18/02/2019 12:00:00 - visite: 407) »