Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 854 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Mar 16 07:12:52 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La mia casa è bella

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/06/2015 20:30:51

Casa mia è bella, pur non essendo piccina, la più bella che ci sia.

Quando era stata da poco costruita, con l’ambizioso sogno che rassomigliasse ad una cattedrale, ho trovato i due padroni che lavoravano, sudati e affaticati, a rifinirla nell’intento di renderla accogliente. Mi sono avvicinata, dopo essere stata invitata a visitarla, e ho detto: “Non ho casa. Non riesco a trovarne una in cui mi riconosca e, per dirla alla Silone, sono una cristiana senza Chiesa e una comunista senza Partito!” Ho, candidamente però, omesso di avvertirli su quanto fossi passionale e rompipalle. Uno mi ha risposto che, se volevo, quella poteva diventare anche la mia casa a patto che lavorassi per tenerla in ordine e senza aspettarmi riconoscimento alcuno, l’altro ha aggiunto che in ogni casa il coinquilino può vedere la sua casa (ho un po’ parafrasato… ma il concetto era questo).

Quando ho cominciato ad abitarla, mi sono resa conto che già eravamo in tanti, tutti diversi eppure accomunati dallo sguardo puntato non in uno specchio o al video di una TV ma all’orizzonte. Una sorta di comune, con poche regole ma chiare, che coabitava serenamente. Non tutti erano chiamati a svolgere particolari incarichi ma tutti, indistintamente, praticavano l’arte del dono e la contemplazione del bello.

Sono passati gli anni e sempre più persone si sono unite a noi. Ora siamo una tribù: non abbiamo un Dio, non ci sono tribunali, né polizia, né prigioni ma abbiamo un nome ed idee chiare, quelle sì.

Però qualcuno fraintende e crede che l’ospitalità e la gratuità coincidano col poter entrare e uscire a piacimento, senza pulirsi le scarpe sullo zerbino con scritto benvenuto quando varca la soglia e uscire senza nettare dove ha sporcato. Qualcuno si siede a tavola, mangia anche ciò che non ha mondato, preparato e cucinato e, poi, dopo aver detto che ciò che ha divorato faceva schifo, sputa nel piatto in cui mangia. Altri, ancora, entrano nella stanza dell’uno o dell’altro ospite e vomitano il rancio: dopo aver detto “puzzi!” al malcapitato, escono gloriosi e trionfanti perché pare anche il vomito si debba ritenere una preziosa regalia se concessa da cotanto personaggio.

Io sono fra quelli il cui compito è tenere pulita la casa. Di solito lavoro in silenzio: senza farmi vedere raccatto, lavo e lucido prima che altri possano avvedersi della bruttura o scivolare sull’immondizia, finendo a terra bestemmiando e inveendo.

Oggi sono stanca di stare zitta: volete rimanere qui? Siete i benvenuti e nulla vi è chiesto se non rispetto. Non vi piace il rancio? Ottimo, disse il Conte… l’Italia è il Paese dei ristoranti, andate a mangiare altrove e pagate il conto.

A quanti, fra le mie amiche e amici, i miei coinquilini, stanno cadendo nell’illusione che il buonismo paghi, sino a scivolare nel melodrammatico tentativo di conciliare l’inconciliabile… a loro chiedo solo d’essere più avveduti e leggere la realtà per quel che è: tollerare è una cosa, subire un’altra.

Io non pulisco più: ognuno pensi alla sua stanza e la tenga in ordine… qui c’è dono ma non servitù!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Pietro Menditto (Pubblicato il 29/06/2016 18:19:48 - visite: 558) »

:: Un pensiero per Roberto (Pubblicato il 28/03/2016 20:21:53 - visite: 672) »

:: Letterina di Natale (Pubblicato il 06/12/2015 17:50:16 - visite: 514) »

:: Si chiamava Federica (Pubblicato il 12/08/2014 21:39:28 - visite: 881) »

:: Grazie di cuore (Pubblicato il 04/05/2013 22:30:38 - visite: 903) »

:: Propongo una contro-parata su larecherche.it (Pubblicato il 02/06/2012 08:53:32 - visite: 1059) »

:: Buon Compleanno, Fiammetta! (Pubblicato il 25/02/2012 17:24:09 - visite: 1230) »

:: Listato a lutto (Pubblicato il 14/01/2012 08:18:14 - visite: 934) »

:: Testamento biologico (Pubblicato il 17/12/2011 20:59:28 - visite: 867) »

:: Dipendenza (Pubblicato il 12/12/2011 22:22:47 - visite: 876) »