Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Anniversario della liberazione d'Italia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1088 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 21 11:45:44 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

da Frammenti di autobiografia postuma

di Lucianna Argentino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/10/2012 10:57:43

Puntella la fragilità delle cose con le parole - come si puntellano i palazzi dopo un terremoto, come gli altri puntellano la nostra solitudine (se non la rendono più aspra). S’arrende alle mattine assolate in cucina quando sente che non è facile accompagnare i bambini a scuola, fare la spesa, ritagliare un po’ di tempo per stare sola con se stessa e scrivere quando il male sembra più forte e il nostro bene banale, a buon mercato, un bene facile che non costa nulla. Allora la poesia è l’aprirsi dello spazio delle probabilità, così come si deve aprire l’anima all’attenzione, bandire l’indifferenza. Guardare con compassione i vecchi sulle sedie a rotelle, la domenica pomeriggio al parco, un po’ discosti mentre le badanti chiacchierano stipate su una panchina, aprono pacchetti di pasticcini - una ne imbocca uno al “suo” vecchio - , stappano bottiglie di aranciata. Domandarsi perché non c’è nessun altro ad occuparsi di quei vecchi, oggi che è domenica, e che pensano e provano, che sperano quelle donne bionde e sorridenti. Allora il tempo scavato tra un dovere e l’altro, tra i letti da rifare e il pranzo da preparare, il tempo sottratto all’oblio dalla scrittura si fa prezioso perché una è la cosa che ci sottrae al tempo ed è l’amore. (Lucianna Argentino)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lucianna Argentino, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sosta a lungo#poesiapoeti (Pubblicato il 22/03/2014 14:59:37 - visite: 735) »

:: Gli abbracci vuoti (Pubblicato il 13/02/2012 17:59:03 - visite: 855) »