Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 641 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 17 05:10:26 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Carlo Sini: ’Il gioco del silenzio’ – Mimesis 2013

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2015 15:49:58

Carlo Sini: 'Il gioco del silenzio' – Mimesis 2013

 

È ..nel silenzio e dal silenzio che l'io, il mondo e la parola emergono, tra loro originariamente uniti. Così come il mondo non è mai davanti a me, ma sempre mi circonda e mi attraversa, così come non faccio che vedere il mondo provenendo dal cuore del mondo, altrettanto accade alla parola. Essa non parla se non dal silenzio del mondo e del silenzio del mondo: quel silenzio che la parola custodisce e reca in sé; quel silenzio che è così raro e difficile saper ascoltare. Sembra allora giusto dire che la virtù prima del filosofo non è la parola, bensì l'ascolto, non è la ragione espressa, ma la domanda silenziosa con il suo carico di angoscia e di stupore.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Scrivere, perché? (Pubblicato il 28/09/2018 16:22:52 - visite: 214) »

:: Il problema dell’umanità secondo B. Russell (Pubblicato il 29/05/2018 08:22:31 - visite: 218) »

:: ‘forgiveness’ (a letter to) (Pubblicato il 20/12/2017 08:06:49 - visite: 345) »

:: L’educazione secondo Nelson Mandela (Pubblicato il 10/09/2017 04:13:37 - visite: 323) »

:: In viaggio ... restando. (Pubblicato il 21/06/2017 18:45:30 - visite: 347) »

:: Invito a partecipare all’antologia proustiana 2017 (Pubblicato il 15/05/2017 07:05:19 - visite: 541) »

:: L’assenza (Pubblicato il 06/05/2017 19:01:58 - visite: 217) »

:: Fridtjof Nansen (Pubblicato il 27/04/2017 04:29:46 - visite: 319) »

:: Alessandro d’Avenia (Pubblicato il 29/03/2017 15:42:11 - visite: 257) »

:: Umberto Eco (Pubblicato il 21/03/2017 16:08:06 - visite: 310) »