Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1167 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 16 06:27:39 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

....di quelle madri....

di Caterina Nicoletta Accettura
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/11/2012 05:18:23

 

.
Di quelle madri che siedono tranquille,
lunghe trecce a crocchia sulla testa
collo fiero, come cigni sul lago della vita.
Di quelle madri in senalone bianco e tasche gonfie
su vestina a fiori di mercato, dai passi silenziosi
per la casa,labbra pronte al sorriso e al gioco.
La sedia di paglia nel cortile, tra piante di basilico e geranei
accoglie bimbi assonnati, caldi di letto ancora
ed e' festa in grembo per dita in bocca e visetti rossi,
e nasi da asciugare ,ridendo tra fazzoletti e baci.
Pane dorato sulla madia, mani che a notte
impastano veloci olio e farina, antica tradizione,.
crepitio di forni nell'alba profumata degli ulivi
Di quelle madri che baciano i volti col pensiero
e un po' di turbamento nella gola,sara' il fresco,
che di lontano accanto a volti stanchi, versano ancora
coraggio con il latte .
di quelle madri voglio dire oggi.

S'e' fatto tardi,
spengono la luce e chiudono per ultime la porta.
Io vado, voi restate li sull'uscio di casa ed aspettarmi
ripetono col cenno della mano.
Ci vediamo piu' tardi. Io torno sempre

e s'incamminano sulla strada bianca..

__________________________Nicole


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Caterina Nicoletta Accettura, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Farfalle di velo (Pubblicato il 10/01/2015 08:24:50 - visite: 1026) »

:: una voglia di te (Pubblicato il 01/04/2014 10:14:16 - visite: 961) »

:: fogli bianchi (Pubblicato il 06/04/2013 04:47:00 - visite: 1216) »

:: Settembre dei ritorni (Pubblicato il 27/01/2013 12:13:53 - visite: 1090) »

:: bocche chiuse (Pubblicato il 23/01/2013 09:48:01 - visite: 1118) »

:: Canto di Natale (Pubblicato il 18/12/2012 11:57:54 - visite: 1035) »

:: J’ai cru la vie une rève (Pubblicato il 07/11/2012 10:48:07 - visite: 994) »

:: coriandoli (Pubblicato il 07/11/2012 10:44:07 - visite: 1050) »

:: nuvole (Pubblicato il 11/09/2012 09:20:40 - visite: 978) »

:: la danza (Pubblicato il 11/09/2012 09:09:56 - visite: 811) »