Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Volontà di Potenza

di Emanuele Severino 

Proposta di Giulia Archer »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/05/2012 10:25:28

Emanuele Severino, alle radici della "volontà di potenza"

Lungo l'intera storia del pensiero occidenta­le, permane un tratto comune: l'affermazione dell'irrequietezza del mondo, genitrice del do­lore, l'affermazione del divenire del mondo. Il dolore è il divenire. E il divenire si manifesta come dolore estremo, quando è inteso in senso ontologico, cioè come oscillazione tra l'essere e il niente da parte degli enti. La fede in que­sto senso estremo del divenire, è il fondamento dell'intero pensiero occidentale, ossia è comune sia all'intera storia dell'episteme, sia all'intera storia della distruzione dell' episteme: e pertanto è comune anche alla civiltà della tecnica. Do­minare il mondo, organizzare mezzi in vista della produzione di scopi, significa organizzare il divenire delle cose. Non può esserci volontà che non sia volontà di far diventare le cose altro da quello che sono. Le cose del mondo, per l'Occidente, sono enti. La volontà dell'Occi­dente è volontà di far diventare gli enti altro da quello che sono. Essa presuppone, quindi, l'esistenza del divenire degli enti. Questo tratto permane anche nelle forme del pensiero con­temporaneo apparentemente più lontane dall'af­fermazione della volontà di potenza.

In Emanuele Severino, Lezioni sulla politica: i greci e la tendenza fondamentale del nostro tempo, Christian Marinotti edizioni, 2002, p. 167/68



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giulia Archer, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.