Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 797 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Mar 28 02:34:28 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mi trovo a ripensare

di Alessandro Macciò
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/02/2013 15:20:22

Hanno piantato gli alberi

così celando il treno

e il suo sferragliamento

hanno tagliato gli alberi

il treno che ti porta

lontana eternamente

che penetrava i muri

perfino a non passare

che c'era onnipresente

nei giorni alla finestra

lo sguardo fisso ai monti

fumando interamente

hanno piantato gli alberi

malate sigarette

inverosimilmente

gettate di nascosto

per non dover ammettere

che si erano già spente

ben prima delle lacrime

hanno piantato gli alberi

adesso che non abito

è meglio poi che mai

che mai ritroverò

sparito l'orizzonte

non vedo più le trote

non sento più i binari

hanno piantato gli alberi

la prospettiva squadrano

squadrare è un po' schiarirsi

e formano una siepe

lo sguardo escluso come

volessero proteggermi

dal sordo imperversare

hanno piantato gli alberi

e nel silenzio pieno

di questa fissità

mi trovo a ripensare

senz'ombra di rimorso

che tu hai piantato me.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alessandro Macciò, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Macciò, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il conto (Pubblicato il 19/03/2013 17:26:23 - visite: 1046) »

:: Sabotaggio (Pubblicato il 18/03/2013 19:10:45 - visite: 643) »

:: Un’altra bicicletta (Pubblicato il 07/01/2013 15:37:17 - visite: 718) »

:: L’interruttore (Pubblicato il 02/01/2013 19:48:10 - visite: 961) »

:: La mia tavola (Pubblicato il 03/12/2012 15:53:33 - visite: 724) »

:: Resta interdetto (Pubblicato il 29/11/2012 11:42:09 - visite: 769) »

:: Inesorabile (Pubblicato il 29/11/2012 11:40:49 - visite: 725) »