Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1475 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 20 15:59:22 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Berlusconi contro la scuola pubblica:«Non educa...

Argomento: Politica

Articolo di Barbara Jerkov su Il Messaggero 

Proposta di Maria Musik »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/02/2011 14:28:24

Il Messaggero
Domenica 27 Febbraio 2011


Berlusconi contro la scuola pubblica:
«Non educa. E mai adozioni ai single»

Il premier ai cattolici: sosteniamo la famiglia. Ma è polemica
di BARBARA JERKOV

ROMA - Affondi a destra e a manca. Prima, parlando fra applausi ma anche qualche fischio al congresso dei repubblicani eredi del laico Mazzini, contro le opposizioni che «comuniste erano e tali rimangono». Contro le intercettazioni («in nessun Paese occidentale possono essere portate come prova in processo, né dall’accusa né dalla difesa»), contro i finiani («la diaspora del Fli ci ha fatto soltanto bene»). Concedendosi, vista la platea, anche una boutade ammiccante («vi inviterei tutti al bunga bunga ma resterete delusi...»). Poi, passando alla sala accanto del medesimo hotel Ergife, di fronte a un altro congresso, quello dei Cristiano Riformisti, riscoprendo le comuni origini democratico-cristiane («e li teniamo stretti nel nostro cuore») di Sturzo e De Gasperi, promettendo presto l’allargamento dei sottosegretari, così da far posto anche a un viceministro per i disabili, come lo sollecita il padrone di casa Antonio Mazzocchi. Ma, soprattutto, lanciando l’attacco su scuola pubblica e coppie di fatto.
Silvio Berlusconi rispolvera il discorso della discesa in campo del 1994 alla Fiera di Roma per sferzare gli insegnanti statali. «Educare i figli liberamente», si autocita il Cavaliere, «vuol dire non essere costretti a mandarli in una scuola di Stato dove ci sono degli insegnanti che vogliono inculcare dei principi che sono il contrario di quelli che i genitori vogliono inculcare ai loro figli educandoli nell’ambito della loro famiglia». E se ancora non bastasse, assicura che fintanto che al governo ci sarà lui «non ci saranno mai equiparazioni tra le coppie gay e la famiglia tradizionale, cosi come non saranno mai possibili le adozioni di bambini per le coppie omosessuali». Poi torna sulla minaccia comunista, ma in chiave cristiana, adattando i ricordi alla platea che ha di fronte.
«A dodici anni avevo già chiaro quale fosse l’ideologia comunista», confida il premier, «sono stato per 8 anni dai Salesiani. Lì ho conosciuto un giovane sacerdote che mi raccontava cose quasi incredibili dall’Urss. Aveva avuto come compagno di banco a scuola uno studente che poi si trovò di fronte come prete e divenne il suo inquisitore. Voleva sapere l’indirizzo del suo vescovo e di fronte al suo rifiuto mi portò davanti padre, madre e due fratelli sparandoli in faccia uno ad uno così ho capito che cosa era il comunismo, fenomeno che non sta ancora completamente alle nostra spalle anche perché i comunisti di casa nostra sono e restano tutt’ora comunisti».
Immediate, e dure, le reazioni delle opposizioni. «Siamo d’accordo con Berlusconi, specie sulla necessaria libertà di educazione e di scelta per le famiglie», esordisce il centrista Rocco Buttiglione, che della Scuola è stato anche ministro, «ma viene il sospetto che continueremo a vedere tante promesse e nessun fatto. Solo un piccolo dubbio - spiega -: perché in 15 anni non si è impegnato davvero in questa direzione? E poi non vorremmo si usasse il trucco di mettere un tipo di scuola contro l’altra: è compito del governo provvedere a rendere migliore tutto il sistema dell’istruzione. E a proposito di famiglia, cosa intende fare il governo per un fisco giusto per le famiglie? Se mantiene ciò che promette perché non fa provvedimenti in tal senso, o perché non fa andare avanti quelli già pronti dell’Udc?». Il Pd, con la responsabile scuola Francesca Puglisi, ricorda al Cavaliere il dettato della Costituzione: «Se si leggesse con attenzione l’articolo 33, scoprirebbe che già garantisce la libertà di scelta educativa, senza oneri per lo Stato, e che la scuola pubblica non inculca, bensì educa alla libertà e al multiculturalismo, educa menti libere. Anzi, la scuola pubblica statale è l’istituzione democratica fondamentale per garantire la libertà nel nostro Paese. Per questo, Silvio Berlusconi, l’amico di Gheddafi, ha deciso di distruggerla». Non meno dure le reazioni sulle coppie di fatto. Di «mossa meschina» per cercare di riconquistare un elettorato cattolico «disgustato da mesi di scandali e storielle più o meno spregevoli» parla l’Arcigay.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Politica ] Il mio Sud, una storia di spazi pieni e spazi vuoti , di Roberto Saviano (Pubblicato il 17/06/2018 08:11:45 - visite: 140) »

:: [ Psicologia ] Il disturbo di narcisismo patologico (DNP)#controviolenzadon , di Giovanni Baldaccini (Pubblicato il 23/11/2015 22:29:34 - visite: 631) »

:: [ Società ] Più in là di un giorno. Interventi nella giornata , di Meth Sambiase, Antonella Pierangeli, Pina Piccolo (Pubblicato il 25/11/2012 18:32:22 - visite: 837) »

:: [ Politica ] Il crollo del muro arabo - la Repubblica , di Ulrich Beck- traduzione di Carlo Sandrelli (Pubblicato il 20/02/2011 23:56:45 - visite: 1127) »

:: [ Politica ] La fine di un mondo , di Aldo Schiavone (Pubblicato il 04/10/2010 08:19:20 - visite: 848) »

:: [ Scuola ] Gelmini fuori dal mondo:tetto del 30... stranieri , di Maristella Iervasi (Pubblicato il 09/01/2010 10:53:54 - visite: 1192) »

:: [ Politica ] Via al decreto antistupri ma con le ronde soft , di Liana Milella (Pubblicato il 21/02/2009 08:26:24 - visite: 1021) »

:: [ Politica ] Ronde? No, sono volontari .... , di Emanuela Fontana (Pubblicato il 21/02/2009 08:22:27 - visite: 1245) »

:: [ Società ] La scomparsa degli alberi di Natale , di Ilvio Diamanti (Pubblicato il 25/12/2008 11:14:52 - visite: 955) »

:: [ Società ] Giornata inter.le contro la violenza sulle donne , di ANSA.it (Pubblicato il 25/11/2008 12:47:24 - visite: 1009) »