Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Eventi/Notizie/Comunicazioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 123 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 17 15:27:17 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Via dei librai

Vedi il sito web »

Comunicazione di Elsa Paradiso
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli eventi proposti dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/08/2017 12:50:47

 

 

 

Speciale Mario Lunetta

VIA DEI LIBRAI

 

racconto

di M.P. Damiani

 

 

A Mario Lunetta

 

Mi trovavo per strada , in mezzo a una tormenta di neve. L'avvenimento era insolito per una città ventosa, ma di mare.

Imbacuccata nel mio cappottone, con il collo fasciato dalla sciarpa, ero uscita per comprare il pane. Faticavo molto a proseguire, perché il nevischio mi sbatteva in faccia urtato dal vento e, a volte, non riuscivo a respirare.

Per far da scudo, mi appoggiai la mano guantata, sopra il naso e la bocca e ... cercai di andare avanti.

D'un tratto sentii uno strano suono. La bufera? il miagolio di un gatto affamato? O un'illusione?

Mi voltai per guardarmi intorno. Il nevischio si insinuava come sabbia tra le ciglia, e mi impediva di focalizzare ogni particolare. Non notai nessuno. Oltre che un infinito bianco che annullava i confini fra la terra ed il cielo. Mi colse un senso d'ansia. Tornare indietro? No. Ormai tra poco avrei svoltato, e sarei entrata dentro il panificio: in mezzo a quell'odore di focaccia e pane, così accattivante; dentro quelle vetrine appannate di calore che schermavano dal gelo di fuori. Così, rincantucciandomi più in me stessa e facendo resistenza agli elementi, proseguii.

Di nuovo udii lo strano suono. Forse perché inconsciamente avvisata, stavolta, lo identificai meglio. Si trattava di una voce umana. Flebile, forse un lamento o un richiamo. Mi voltai, e stavolta, per assicurarmene con più determinazione. Non fu necessario però, perché lei era lì: una donnina, tutta vestita di nero. Un graffio d'inchiostro nella neve...

 

 -continua-

 

http://malacoda4.webnode.it/via-dei-librai/


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Elsa Paradiso, nella sezione Eventi, ha pubblicato anche:

:: Anatomia di un sentimento di Maria Pia Damiani (Pubblicato il 02/05/2016 18:46:18 - visite: 803) »