Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sorella, Amica

di Monica Paccagnella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/03/2017 00:08:43

 

Ripenso con nostalgia alle nostre tante telefonate: quattro, cinque al giorno, a volte più. Non paghe, gli innumerevoli  messaggi su WhatsApp e Facebook. Ci bastava salutarci, sapere che l’altra stesse bene. Ci raccontavamo la nostra quotidianità o i nostri segreti. La giornata non poteva iniziare se non sentivamo le reciproche voci. A volte, una parola tirava l’altra e, essendo due “peperini”, si litigava. Il cellulare improvvisamente si spegneva per poi squillare un minuto dopo per far pace e ridere di noi. Poi, la malattia. Ed io, con pazienza, aspetto giorno dopo giorno, di ritrovarti mia sorella: la mia AMICA. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »