Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1147 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 12 07:53:41 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non ci diverte calcolare

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/05/2013 19:54:44

Nel cuore l'avamposto del ghiaccio

ad ogni singolo passaggio nell'orbita terrestre

perdiamo un po' di coraggio 

lasciamo che vada il tempo in un'altra direzione

e lo spazio che gli corra dietro

per dar vita all' espansione che non ci diverte calcolare

e la distanza siderale rimane desiderio di passaggio

ad altro stadio naturale d'evoluzione essere stelle

abitare le nuvole visitare il luogo pulsante dell'immaginazione

andare a caccia del Creatore su una navicella spaziale

per trovare le risposte e diventare sogni viventi universali

nell'imballaggio un difetto di fabbrica 

cosa conta che tu mi tenga per un braccio

se io voglio andare mamma

non è bastato trasformare la mia stanza in allunaggio

il mio destino è una fuga per la strada gobba e bianca

del condannato a morte e correrò più veloce della tua voce

che ancora mi chiama dalla finestra della sala

quando si faceva buio ed era ora di rincasare

non ho paura della notte ma di non saper parlare

il linguaggio delle bestie che l' abitano

ci vuole coraggio ad esser soli come il Mondo

eppure un pianeta gemello esisterà anche per l'anima

lontano il più lontano possibile perchè il viaggio

ci porti prima a vedere tutto ad assaggiarlo

poi voltato l'angolo incontro lei e si sciolgono i ghiacciai

la parola insieme: due o più di due?

fino a ieri ricordavo appena il colore dei suoi occhi

adesso le conto i capelli

che cadono nel gioco che fa col dito di annodarli

un numero compreso tra uno e più infinito

poi si morde il labbro

e non c'è altro posto al Mondo dove vorrei restare

perchè è così difficile resistere al suo richiamo 

non è solo carne che freme anche ai puri di cuore

per ottenere le sue grazie m'invento anche un dio da pregare

-dove stai andando?

-a fare un giro

-perchè porti lo zaino?

-volevo stare fuori qualche giorno

-a tua madre verrà un colpo

-ma no sa tutto è tutto organizzato

-ah si e con chi vai?

-ma no da solo ma così un viaggio breve mi giro un paio di città e torno niente di che

-tu piuttosto perchè non vieni con me? volevo dire non hai mai pensato a fare un viaggetto da sola o con gli amici?

-grazie dell'invito e pensare c'ho pensato ma i miei non vogliono prima del diploma

-va bene manca poco

-si scusa ma devo risalire mi si è gia fatto tardi allora comportati bene e fa buon viaggio

-si ciao dopo ti racconto

fa qualche passo poi si volta di scatto e si avvicina

-scusa ma così non ti posso proprio vedere

si china e mi allaccia le scarpe.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mentre il fiume (Pubblicato il 22/01/2020 01:40:30 - visite: 13) »

:: Cosa vuoi che ti dica? (Pubblicato il 20/01/2020 00:45:57 - visite: 34) »

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 32) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 41) »

:: Fuori schema (Pubblicato il 09/01/2020 03:07:41 - visite: 53) »

:: Cara la pelle (Pubblicato il 04/01/2020 03:10:47 - visite: 50) »

:: Dalla materia sbagliata (Pubblicato il 03/01/2020 02:16:06 - visite: 46) »

:: L’oblio ne ha facoltà (Pubblicato il 02/01/2020 03:01:05 - visite: 46) »

:: Oltre la soglia (Pubblicato il 23/12/2019 02:12:30 - visite: 58) »

:: Ho fattezze (Pubblicato il 19/12/2019 01:51:10 - visite: 85) »