Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Fabio Squeo...o la difficile identità del suo essere poeta

Argomento: Poesia

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 04:38:19

Fabio Squeo … o la difficile ‘identità’ del suo essere poeta.

“I poeti fioriscono al buio” – raccolta poetica di Fabio Squeo – Bibliotheka Edizioni 2017. www.bibliotheka.it


Radici.

“Le mie radici appartengono al niente.

Si nasce tra i rovi spenti e ci inalberiamo

nella parvenza di un eclissi di sole.



..ma le radici non appartengono

a questi luoghi insaziabili

così incarnati

nell’oblio che mi sostiene.”


Cancellare i vincoli dell’identità per scivolare nell’infinito errare della poesia nel labirinto delle molteplici coincidenze virtuali della contemporaneità, non è cosa facile da intraprendere. Si rischia di condurre una vita impersonale, immergersi in un’attività di erranza nello spazio e nel tempo impropri delle cose del mondo; che è poi come vagheggiare e/o fantasticare, su qualcosa che va oltre la concomitanza delle situazioni, quasi un voler ‘fuggire da se stessi’, dal frastuono delle diverse identità che si è costretti ad assumere nella concretezza del reale.

Una tangibilità che, estranea alla dissolvenza filosofica, moltiplica l’identità in numerosi altri sé dalla personalità conforme e/o difforme, solo apparentemente diversa quanto più affine a quella ‘desiderata’, ovvero ‘sospesa’ nel rimando della coscienza, come processo narrativo di sé. È allora che dalla relazione fra le due parti, diverse e uguali, narrativa e poetica, si erge il romanziere e il poeta, l’uno compenetrato nell’altro. Da cui le strutture dotte che spesso s’intersecano, si moltiplicano, si completano nel ‘diverso e uguale’ linguaggio letterario:


“..nella bellezza di un sentire che vuol essere dedizione, comprensione, per un’esistenza che oltrepassa le barriere dell’umano.”


Fabio Squeo si inserisce in questa dualità, nei passaggi interstiziali delle forme che appartengono alla parola detta, ancor più che ai segni grafici della scrittura, interponendosi nelle ‘pieghe del tempo’ che ancor giovane ha fatto sue, andando qui alla ricerca del proprio essere poeta pur conservando ‘una mente prigioniera del passato’, che ‘lentamente si consuma’ nelle ‘incertezze degli istanti’ che lo ‘separano dalla vita’. Un ‘consumarsi sotto il sole dell’esistenza’ che sembra non concedere(gli) tregua, ma che altresì l’aiuta a trovarsi e/o ritrovarsi, al di qua e al di là della soglia di avanzamento della propria esperienza poetico – crepuscolare:


“..scorgo in lontananza l’immagine

del mio palpito furibondo

offuscato dai macigni di un tempo infinito

ma il cuore finge di ascoltare



Il suo melanconico canto

mi accompagna oltre i confini della realtà.”


Esperienza maturata nell’alone di quella dissolvenza filosofica che l’ha accompagnato per tutto il tempo degli studi peculiari alla sua formazione, e che oggi, diversamente, invade la sua sopravvivenza come uomo di cultura alle prese con una realtà globalizzata diversa e/o discorde, scollegata dalla sensibilità poetica e la fragilità dei propri sentimenti, forse provati ma non necessariamente contrastati, seppure fortemente inquieti nel loro ‘eterno divenire’ che lo porta ‘a fuggire a mani vuote’ nella pur ‘spensierata illusione di esistere’:


“..e domani sarò ancora qui

con un altro giorno

e col freddo dell’eterno divenire.”


L’immagine delle ‘mani vuote’ rende particolarmente efficace l’inquieta ‘solitudine’ che l’autore vuole significare e che traspone con enfasi nel linguaggio poetico di molte sue liriche, nelle quali è più sentita la sua ‘pena’ nel ‘l’oblio che mi sostiene’, talvolta disarmante se si pensa alla sua giovane età che, come un ‘disegno imperfetto’ sembra aver già spazzato via tutto di quanto la vita futura altresì, potrebbe serbare alla sua esistenza feconda di nuove ‘esistenze e resistenze’, comunque esperienze per una ‘libertà ritrovata’:


“Vorrei librarmi ad alta quota

prima che il gelo della radura

faccia calare un altro sole.”


Appassionati i suoi costanti riferimenti ai flutti, agli abissi, ai moti ondosi del ‘mare’e a tutto ciò che esso contiene in sé, dalla sabbia, ai detriti di rocce e conchiglie, ai residuati che in altre parti diventano dune e intere oasi. Così come i riferimenti alla terra, ‘la sua terra natia’, strappata dal vento, nel risalire dei fiumi; e alla pioggia come ‘brezza allo stato primordiale’ che sembra ascendere anziché cadere nello specchio lunare, come per una rivoluzione cosmica in cui il sole, dominatore implacabile del giorno, non è che una lampada del suo soggiornare nel vivere, che prosciuga ‘la sete della sua conoscenza’:


“Nuove onde muovono la mia zattera

ma i misteri del buio scorrono dovunque

là dove il mio occhio inquieto non può arrivare…”



“Le grida di un gabbiano

e le incertezze degli istanti

che mi separano dalla vita...”


E via, via così nel prosieguo di intenti poetico - linguistici che trovano conferma nella scrittura musicale della frase, nelle assonanze evocative dei verbi e/o nelle colorature aggettivate rivolte al sentimentalismo d’amore, sofferto più che ammirato, interiormente vessato più che realmente vissuto, frutto di una pena o forse di un pentimento che chiede qui, sulle pagine bianche del libro, negli interstizi dei componimenti scritti, la sua redenzione o forse la sua dannazione. Chi siamo noi per giudicare il ‘verbo’ di chi sa? Chi è in grado di accordare al ‘poeta’ la sua espiazione, di riscattare la ‘sua’ verità? La poesia come la musica non nasce dalle parole ma dai sentimenti, affrancata da indulgenze come da assoluzioni si espande libera nell’aria, il suo addivenire è nel canto interiore e profondo del ‘buio’:


“I poeti fioriscono al buio,

nascosti tra le rupi della notte

tendono il loro pugno sopra il grano

quando il sole capriccioso se ne va.”


Come anche in quello estrinseco e tumultuoso del cuore che, nel costante battere svela il proprio desiderio di rivelarsi all’altro e/o agli altri, per comunicare il proprio stato primordiale, il proprio avvento nella natura che a braccia aperte l’accoglie, il proprio narcisistico attaccamento alla vita, l’essere qui, oggi, al centro dell’esistenza matura dell’uomo che si rivela:


“Si è nascosto il sole

dietro la foglia appassita

e sotto le coperte ingiallite

ove il poeta si scopre

brandisce la spada della malinconia..



..danze di spuma disancorano

la voce del mare

e i nostri palpiti d’amore

naufragano cullati

nel disegno imperfetto dei nostri sensi.”


Perché in fine questo è il ‘poeta’, colui che ha ricevuto in eredità il suono e il canto iniziali, afferente a ciò che noi tutti siamo, individui effettivi del nostro comune essere, spuri abitatori d’una costellazione imperfetta nel ricalcare l’orma pessoana di ‘Una sola moltitudine’, l’essenza stessa della nostra vita:


“..nella solitudine del poeta / … / quando il fumo delle notti / agita le sue onde. /…/ la nascita non è più una nenia / oscura / da ricordare / ma una fulgida gemma / di acero fiorito”.


Fabio Squeo, laureato in Scienze Filosofiche presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, è studioso del pensiero di Sartre e della filosofia esistenzialista del XX secolo. Autore di poesie svolge la sua attività di saggista e curatore di opere letterarie e collabora ai progetti editoriali della casa editrice Limina Mentis.


Tra le sue pubblicazioni:

“Jean-Paul Sartre e il fenomeno della coscienza nelle sue relazioni con l’altro.” - Bibliotheka Edizioni 2014.

“Alber Camus e la condizione umana come testimonianza dell’assurdo” - Bibliotheka Edizioni 2014.

“Heidegger, Lacan, Sartre, Lévinas: L’altrove della mancanza nelle relazioni di esistenza.” - Bibliotheka Edizioni 2017.


Nota: Tutti i virgolettati sono tratti dalla raccolta poetica “I poeti fioriscono al buio” - Bibliotheka Edizioni 2017.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] MyFrenchFilmFestival (Pubblicato il 22/02/2018 19:04:22 - visite: 69) »

:: [ Società ] Sanremo Wince - cronaca (Pubblicato il 10/02/2018 11:37:28 - visite: 80) »

:: [ Teatro ] Una storia assurda al Teatro ArMa di Roma (Pubblicato il 31/01/2018 08:15:15 - visite: 102) »

:: [ Cinema ] Ella and John – un film di Paolo Virzì (Pubblicato il 25/01/2018 17:47:26 - visite: 104) »

:: [ Cinema ] Cinesophia torna ad Ascoli Piceno (Pubblicato il 22/01/2018 08:43:22 - visite: 95) »

:: [ Viaggi ] Christmas Happiness / 4 in viaggio. (Pubblicato il 24/12/2017 00:23:02 - visite: 141) »

:: [ Libri ] Christmas Happiness / 3 (Pubblicato il 16/12/2017 18:23:41 - visite: 157) »

:: [ Cinema ] Intervista a Francesca Comencini Regista (Pubblicato il 05/12/2017 18:38:56 - visite: 123) »

:: [ Società ] Contro la violenza sulle donne. (Pubblicato il 25/11/2017 19:14:34 - visite: 153) »

:: [ Letteratura ] Fogli/e d’Autunno 5 (Pubblicato il 20/10/2017 09:20:33 - visite: 321) »