Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1256 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jun 26 15:58:22 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’inutilità della sopravvivenza

di Franca Figliolini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/07/2013 19:08:38

ecco, leggo e sono lì

 

in tutti questi lì,

 

sono sempre fra questi corpi disarticolati

 

decomposti

 

torturati corpi            coperta di cenere

 

o trasformata in cenere o

 

chopped, you know, as the meat

 

 

 

in realtà io non so, non so niente

 

anche se conosco tutto

 

i cecchini di sarajevo, i fiotti di napalm e i gulag

 

gli uliveti sradicati in memoria di auschwitz

 

e i terroristi suicidi in memoria degli ulivi

 

srebrenica e ancora corpi scheletri di ossa

 

risonanti

 

 

 

i campi di lavoro

 

                    di rieducazione

 

                              di sterminio

 

 

 

i killing fields

 

 

 

e auschwitz il buco nero più 

 

profondo

 

              il vuoto di senso

 

 

 

perché leggi queste cose se ti fanno impressione? lascia

 

stare

 

ma io non volevo lasciare niente

 

tralasciare niente, volevo conoscere conoscere

 

riconoscere

 

 

 

di precipizio in precipizio

 

il garage olimpo

 

il sangue del ruanda

 

myanmar o timor est, sowetho,

 

l'estadio nacional de chile, kabila, pristina

 

my lai dal nome così dolce

 

 

 

halabija, la strage del pane, la strage del mercato, la strage

 

di sabra e shatila, la strage

 

 

 

i corpi spiattellati del wtc, i corpi annichiliti

 

di guantanamo, la counterinsurgency

 

 

 

o come si chiama adesso.

 

 

 

tutta, tutta la geografia del dolore

 

 

 

e ovunque l'umanità - ah! l'umanità, che dire? -

 

ovunque uccide, io volevo sapere

 

toccare con mano, un san tommaso di sangue

 

di sangue

 

di sangue

 

 

 

non c'è niente di più umano della procurata morte

 

dunque di cosa parliamo, di cosa parliamo adesso?

 

 

 

parliamo dei vivi amore, parliamo dei vivi

 

 

 

subito prima o subito dopo la rottura della simmetria

 

quando dipingono la cappella sistina

 

compongono la suite n. 1 per violoncello solo

 

scoprono la doppia elica

 

scrivono l'equazione di dirac

 

 

 

subito prima o subito

 

dopo

 

 

 

parliamone. diamo fiato al

 

fiato, fiato mio

 

 

 

perché noi sopravvissuti per caso

 

siamo tutto e il contrario, stelle pronte

 

a chiudere la sequenza principale

 

esplose di luce o implose in buchi neri

 

 

 

inutili cieche stelle

 

trasfigurate di bellezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franca Figliolini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Figliolini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Fili (Pubblicato il 20/06/2019 15:45:21 - visite: 45) »

:: Distopia (Pubblicato il 17/06/2019 11:34:17 - visite: 69) »

:: Come può la stessa luce (Pubblicato il 17/05/2019 13:26:46 - visite: 73) »

:: Ora di oro rosa (Pubblicato il 12/03/2019 16:45:39 - visite: 99) »

:: Pini (Pubblicato il 12/03/2019 16:43:15 - visite: 67) »

:: Lacca imperiale (Pubblicato il 12/03/2019 16:42:11 - visite: 84) »

:: Leggendo N. Nobili (Pubblicato il 24/02/2019 23:07:37 - visite: 109) »

:: Ho fatto finta, insomma (Pubblicato il 12/02/2019 19:23:24 - visite: 111) »

:: Né chiedi (Pubblicato il 12/02/2019 19:20:35 - visite: 118) »

:: Nucleo di fuoco (Pubblicato il 05/02/2019 19:46:23 - visite: 117) »