Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 88 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 16 06:21:09 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sulla ricerca (poetica)

di Antonio Terracciano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 20 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/01/2018 19:48:11

Premetto che si tratta soltanto di un mio criticabilissimo pensiero, ma mi sono iscritto volentieri a questo sito soprattutto perché attratto dal suo nome (non per vantarmi, ma sono uno dei non tantissimi italiani ad aver letto - pur impiegando decenni! - tutte le tremila pagine della "Recherche" in originale) . Pensavo che le ricerche poetiche che qui si facevano fossero improntate allo spirito proustiano (ricerca dell'approfondimento delle verità attraverso una forma letteraria sostanzialmente classica) . Ho letto però, un po' a caso, un centinaio di poesie e, a parte tre "sonetti" non proprio ortodossi in una stessa pagina, tutto il resto che mi è capitato sotto gli occhi (come spesso in altri siti, del resto) era costituito da tentativi più o meno riusciti di mettersi sulla scia della grande poesia italiana del Novecento, di cercare una patente di poeta accodandosi ai famosi italiani del secolo scorso (Montale, Ungaretti, Quasimodo, ma anche Luzi, Gatto... ) Se questo sito si chiamasse "Ulysses" non avrei nulla da obiettare, ma, dato che si chiama "La Recherche" , mi sembra di ricordare che il poeta preferito da Proust fosse il "classico" Baudelaire, anche se Marcel faceva qualche eccezione per alcuni suoi contemporanei, soprattutto per Mallarmé (del quale anch'io trovo grandissimi dei versi isolati, in particolare "Le vierge, le vivace et le bel aujourd'hui" e "Un coup de dés jamais n'abolira le hasard" ) . Secondo il mio modestissimo parere, la vera ricerca può talvolta consistere (come in cucina, nell'abbigliamento... ) nel ritorno alle radici, alle vecchie tradizioni, nel ripescaggio (adattato alla realtà attuale) delle vecchie forme metriche almeno (e - perché no? - qualche volta anche delle rime) , che sembrano essere ormai misconosciute in Italia (ma non in Francia) da quasi un secolo a questa parte.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 20 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »