Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 161 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 8 17:42:04 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Lettera a un italiano

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/02/2018 13:18:19

Caro italiano,

ti scrivo da amico sconosciuto, da fratello antropico e da connazionale solidale.

Sei soltanto uno degli oltre 60 milioni d'abitanti, stranieri compresi, della penisola distesa nel Mare Nostrum. Ma anche se sei anonimo, sei unico e importante. L'Italia è fondata pure su di te.

Sei fortunato a far parte del Bel Paese, di cui dovresti essere più fiero. Ne hai festeggiato il 150° anniversario dell'unità non tanti anni fa, anche se è ancora una nazione ben lungi dalla reale unificazione.

Certo che le cose non vanno bene al presente, come nel resto del vecchio continente, per non dire nel mondo intero. L'attuale crisi socio-politico-economica serpeggia e avvelena più o meno tutti. Ma questa crisi materiale non è che la conseguenza di una crisi spirituale. La perdita dei valori morali causa la forte svalutazione dell'individuo, della famiglia, della società. Spirito e materia sono interagenti, anima e corpo s'influenzano a vicenda. Quindi la vera causa della crisi contemporanea è la perdita di Dio. E senza Dio la vita perde senso e valore. Perde la luce.

Pure il Paese del Sole è stato oscurato da una eclissi, ma non ti abbattere e non avere paura del futuro. La storia d'Italia, recente e remota, dimostra che nel tuo DNA hai molte qualità. Hai le capacità per costruire una nazione moderna, ricca spiritualmente e progredita materialmente, unita in maniera concreta da nord a sud pure per mezzo dei treni ad alta velocità e del ponte sullo Stretto di Messina.

Animo, italiano, stringi la cinghia e i denti, vai avanti e ce la farai.

 

P.S.

Ma solo se ritrovi la strada giusta!

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Lo Castro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Lettera al piccolo Alfie (Pubblicato il 05/05/2018 13:34:55 - visite: 204) »

:: Lettera di pancia e d’anima (Pubblicato il 23/03/2018 10:52:46 - visite: 204) »