Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 271 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 19 23:04:14 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sulle traduzioni delle poesie

di Antonio Terracciano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/03/2018 10:41:18

Non so con quale fondamento, parecchi anni fa, in un altro sito letterario, un anziano poeta romano, il quale molto meglio di me scriveva in metrica e in rime, mi fece notare che, tra gli altri motivi, la moda, diventata ormai duratura, di non usare più né metrica né rime derivava anche dal vantaggio della maggiore facilità di traduzione che le poesie in versi liberi presentavano.

Non so, ripeto, se ciò sia vero dal punto di vista storico, ma è senz'altro vero da quello pratico. Tradurre, infatti, in un'altra lingua una poesia "classica" è pressoché impossibile: o si aboliscono le rime e parzialmente anche la metrica, ottenendo una buona resa del solo contenuto, o con moltissimi sforzi si conservano, alterando però così inevitabilmente il contenuto stesso. Montale (almeno la maggior parte della sua produzione) in Francia, o Prévert in Italia hanno potuto avere successo perché era abbastanza facile tradurli, ma quanti Italiani che non conoscono bene il francese, ad esempio, sono rimasti per sempre privati della bellezza, intesa in tutti i sensi, che si sprigiona da un originale di Baudelaire?

Prendiamo, come unico esempio (ne può bastare uno solo) la prima strofa (in alessandrini a rime incrociate) della prima poesia delle "Fleurs du mal" , "Au lecteur" .

Baudelaire aveva scritto:

"La sottise, l'erreur, le péché, la lésine

Occupent nos esprits et travaillent nos corps,

Et nous alimentons nos aimables remords,

Comme les mendiants nourrissent leur vermine. "

Luigi De Nardis ( "I fiori del male" , ed. Feltrinelli, 1968 ) traduceva così:

"Stoltezza, errore, peccato, avarizia

occupano i nostri spiriti e tormentano

i nostri corpi e, come mendicanti

che i loro insetti nutrono, educhiamo

piacevoli rimorsi. "

E Giuseppe Montesano ( "Il ribelle in guanti rosa" , ed. Mondadori, 2007) propone:

"La stupidità, l'errore, il peccato, la meschina avarizia,

occupano le nostre menti e tormentano i nostri corpi,

e noi alimentiamo i nostri amabili rimorsi

come i mendicanti nutrono i loro parassiti. "

La versione di Montesano è forse un po' più letterale, e quella di De Nardis (che aveva impiegato sette anni per tradurre tutte le "Fleurs" ) cerca forse maggiormente di conservare un po' di ritmo, ma in entrambi i casi quanta differenza con l'originale! Non c'è più la maestosità dell'alessandrino né la musicalità delle rime. Chi legge Baudelaire solo in italiano può dire di averlo veramente gustato, o deve riconoscere di averlo gustato solo a metà? E allora, dato che le poesie vere sono praticamente intraducibili (e da esse, forse, non deriverebbero vantaggi economici agli editori e ai poeti famosi) , ben vengano quelle scritte come le prose, solo andando a capo di tanto in tanto!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Antonio Terracciano, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Siamo tutti fratelli (Pubblicato il 12/04/2019 19:08:21 - visite: 18) »

:: Poesia e prosa, un piccolissimo esempio (Pubblicato il 17/10/2018 16:15:34 - visite: 204) »

:: Chi ha ragione? (Pubblicato il 06/05/2018 00:47:53 - visite: 273) »

:: Alcune domande (senza risposta) (Pubblicato il 03/04/2018 10:51:44 - visite: 309) »

:: Godiamo l’arte che non esiste! (Pubblicato il 16/03/2018 14:45:23 - visite: 146) »

:: Perché ancora l’ermetismo? (Pubblicato il 23/02/2018 13:58:51 - visite: 248) »

:: Sulla ricerca (poetica) (Pubblicato il 05/01/2018 19:48:11 - visite: 385) »