Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 187 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 17 15:30:50 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

il padre

di Amabilino Michele
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/06/2018 10:53:35

Di Michele Amabilino

Filosofia

Il bambino cerca nella figura del genitore una protezione, lo riconosce come parte della sua esistenza, della sua origine. Quanto questo prinicipio si riflette nelle religioni? L’uomo cerca nel cielo un filo conduttore alle leggi della vita, cerca nel cielo protezione. Immagina un Essere, un Padre celeste, un creatore di tutte le cose. Questa visione, questa interpretazione delle cose è credibile nella vita, ma nell’ultraterreno è una visione problematica, soggettiva, sfuggente. Egli ne afferma l’esistenza senza spiegarne l’origine. E l’ateo quale riflessione porta a sostegno della sua teoria sulle falsità delle figure deistiche? Egli sostiene che nulla può definirsi eterno e che la regola della vita conosce un principio e una fine, una appartenenza ad una classe vivente, ad una specie e che essa ha mutevoli forme e dimensioni ma che conosce sempre un punto di origine: L’energia è materia ed essa si anima. Il credente invece afferma che Dio non ha origini, è eterno, è onnipotente, è il Creatore. Queste regole, queste convinzioni degli antichi padri si fanno forza sui pilastri dell’autoconvinzione, della speranza in un susseguirsi di ripetizioni atti a creare altri consensi soggettivi che, moltiplicandosi, formano poi una massa sociale di credenti. L’ateo non crede in un essere eterno ma in una forma di vita che parte sempre da un principio, la nascita per poi concludersi con la fine biologica. Egli dunque contempla la propria ragione e nega l’esistenza di Dio. Entrambe le teorie mostrano una zona d’ombra: La religione non riesce a provare l’esistenza di Dio, l’ateismo porta a forme teoriche, a ragionamenti accettabili dell’origine di tutti i viventi 2016.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amabilino Michele, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: l’universo (Pubblicato il 18/09/2018 10:27:01 - visite: 8) »

:: addio alla vita (Pubblicato il 18/09/2018 10:21:01 - visite: 6) »

:: la natura (Pubblicato il 24/07/2018 11:30:11 - visite: 66) »

:: Un Uomo vecchio (Pubblicato il 15/06/2018 11:37:42 - visite: 76) »

:: Un pensiero, un ricordo (Pubblicato il 09/05/2018 11:19:50 - visite: 162) »

:: Sogni (Pubblicato il 09/05/2018 11:17:51 - visite: 83) »

:: Filosofia Alfa e Omega (Pubblicato il 02/02/2018 11:08:38 - visite: 307) »