Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1284 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 23 14:02:53 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non so chi sei che amo

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/12/2013 22:48:48

 

Riluce dove è oscuro
quel colore infantile quel caos
di madidi amori da succhiare
stimmi febbrili d'uguale dolore

mostrando del nudo la verità

-gli slarghi  del tepore

violentemente amante-
per concessione dell’inverno
con le punte trasparenti  verso il cielo,
che si apre lentamente in un'aurora,
degli alberi, che emergono brillanti
battendo coi bastoni  sulle porte,
per la questua interamente d'edera,

col fiato caldo avanzi

presenza solitaria e silenziosa

apparentemente inanimato

 

t'intuisco appena, visionaria,

tra i rami stretti del tuo buio
mentre ti espandi in uno specchio d'acqua
semi cosciente, della vita nel laghetto
in minuscole gioie fai vibrare il tempo
liberato dal ghiaccio del mattino

danziamo flessuosi, gocciolanti d'acqua
e, capaci di commuovere anche l'aria,
dove mi sfiori senza fare gesti
sono così piena del tuo volto..
-anche se non ne so nulla-
a dare vita,
che il farsi della vista è l'armonia 
che avanza in solitudine stupenda
che avanza respirando con l'argento
dell'abete sulle labbra del Natale
" tu vivi presso me"  -mio donatore-

lungo le rive gli alberi e le vene
e- non so chi sei che amo

oltre la poesia.

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 66) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 159) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 139) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 155) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 226) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 129) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 151) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 271) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 253) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 368) »