Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 78 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 17 11:21:10 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Poesia e prosa, un piccolissimo esempio

di Antonio Terracciano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/10/2018 16:15:34

Seguo con molto interesse, in questo sito, i civilissimi dibattiti su cosa è poesia e cosa non lo è: ognuno, come forse è giusto, resta alla fine con le sue opinioni ed idee.

Però vorrei fare una domanda.

L'ultima poesia da me pubblicata in un altro sito inizia così: "Io portavoce fui della più bella" .

Secondo voi, se avessi scritto "Io fui portavoce della più bella" , sarebbe la stessa cosa?

Secondo me, no, secondo me nel primo caso è poesia, nel secondo prosa.

Ma perché? Non sono forse entrambi endecasillabi?

Sì, sono entrambi endecasillabi, ma nel verso così come l'ho pubblicato l'accento principale cade sulla sesta sillaba ( "fui" ) , mentre nella variante esso cadrebbe sulla quinta (la seconda "o" di "portavoce" ) , e la sesta sarebbe rappresentata da una semplice sillaba atona ( "ce" ) . La frase da me utilizzata è poetica, mentre la variante è adatta a qualunque prosa. Chissà quanti secoli ci sono voluti per giungere a questa conclusione, a questa perfezione direi, perché qualunque orecchio medio, perfino quello di un bambino credo, avverte (dovrebbe avvertire) musicalità (e la musicalità, in una poesia, ha parecchi vantaggi: le dà maggiore grazia, accarezza meglio l'anima del lettore, la fa ricordare più a lungo... ) nella forma da me utilizzata, e non nell'altra!

Ognuno può fare come vuole, naturalmente, ma il mio era solo un piccolissimo esempio di una questione sulla quale forse ci si sofferma troppo poco.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Antonio Terracciano, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Chi ha ragione? (Pubblicato il 06/05/2018 00:47:53 - visite: 220) »

:: Alcune domande (senza risposta) (Pubblicato il 03/04/2018 10:51:44 - visite: 248) »

:: Sulle traduzioni delle poesie (Pubblicato il 19/03/2018 10:41:18 - visite: 221) »

:: Godiamo l’arte che non esiste! (Pubblicato il 16/03/2018 14:45:23 - visite: 123) »

:: Perché ancora l’ermetismo? (Pubblicato il 23/02/2018 13:58:51 - visite: 212) »

:: Sulla ricerca (poetica) (Pubblicato il 05/01/2018 19:48:11 - visite: 326) »