Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 107 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 22 17:20:10 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cerco l’amore

di Antonio Coppola
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/02/2019 16:55:32

Cerco l'amore non perché ne senta il bisogno, ma perché trovarlo mi renderebbe felice.
Un po' come un bambino vuole un palloncino pieno d'elio, non ne ha bisogno, non gli serve, non può farci nulla se non tenerlo legato al polso e guardarlo. Ma nell'atto di guardarlo, nel sapere che quel palloncino è suo, il bambino sorride, il bambino è felice, ed è felice grazie ad un qualcosa che è assolutamente inutile e di cui non ha alcun bisogno.

E allora, io forse non sarò felice, perché non ho il mio palloncino che mi rende felice, ma almeno non mi nascondo dietro un falso e freddo grado di necessità, non dico a me stesso che non ne ho bisogno, ne sono consapevole, so di non averne bisogo, ma non per questo non lo desidero, non mi nascondo dietro un illusoria maschera di utilitarismo e funzionalismo, per cui, se qualcosa è inutile allora non serve, perché per me non è così che funziona, e non voglio accontentarmi di avere solo ciò ho bisogno, io voglio anche e soprattutto ciò che mi rende felice.

Applicando questo discorso al cibo, così forse anche i più tardi riusciranno a capirlo, se dovessi mangiare e bere solo ciò di cui ho bisogno, solo ciò che mi serve e non ciò che mi rende felice, assumerei soltanto i nutrienti base, nelle precise dosi di cui il mio organismo ha bisogno, assumerei proteine, vitamine, carboidrati e grassi misurati con il contagocce, il mio corpo certo, starebbe bene, avrebbe tutto ciò di cui ha bisogno, ma nutrirmi in quel caso sarebbe solo un atto dovuto, qualcosa di necessario, finalizzato alla mera sopravvivenza. E allora mi chiederei, perché affannarsi tanto per stare al mondo e in cosa sarei diverso da un automa, da una macchina che non sa apprezzare il sapore di un buon cibo, non sa riconoscere la bellezza quando la incontra, non sa distinguere il profumo di un fiore dal tanfo immondo di un tombino scoperto.

Non abbiamo bisogno di sapori, di bellezza, di profumi, dell'amore, ma cercarli, trovarli, gustarli, con gli occhi e con la mente, ci riempie il cuore di gioia, ci rende felici e ci eleva.
Cerco l'amore non perché ne senta il bisogno, ma perché trovarlo mi renderebbe felice.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Antonio Coppola, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Amami (Pubblicato il 31/08/2015 00:11:11 - visite: 501) »