Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 40 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 23 07:29:14 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non essendo colpa mia, io qui confesso

di Valeria Bianchi Mian
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/03/2019 16:20:10

Storia nera a Torino. Segreti di famiglia. Annoto e annodo le memorie perdute dal patriarca, Arturo Colzi, re del cioccolato. Demenza vascolare o 'quadro misto' precipita il vecchio nell'oblio. Parto dal suicidio e ripercorro la trama del perché e del come, del dove e del quando si è perso il nesso con Aisha, italo-tunisina, donna appena abbozzata, ballerina alla prima mestruazione. Seguo la dipendenza affettiva e da sostanze di una irriducibile Cinzia Trapani, e le paure di Lucia, assistente rumena. Colgo suo figlio mentre gioca alle macchinette credendo di poter smettere quando vuole. Osservo Riccardo, figlio di Arturo, transitare dalle dark room alle chat gay, sognando l'amore vero con un mulatto parigino, uno di quelli che sua nonna avrebbe bollato con una frase lapidaria: "Il cioccolato è l'unico nero che entrerà nel nostro salotto". La ribellione di Riccardo, la colpa di tutti, i morti e i vivi li ho scritti nella danza con la Nera Signora. Fino a scoprire (sorpresa io stessa!) che ruolo aveva l'immaginario piemontese in tutta questa faccenda.

Valeria BM

 


Il mio romanzo si intitola "
Non è colpa mia" (Golem Edizioni, 2018). Lo si trova in tutti gli store online e nelle librerie, ordinandolo.
 
Di mestiere faccio la psicoterapeuta. Ho lavorato nella 'bassa soglia', nelle comunità per il recupero dei tossicodipendenti, con la gente di strada e con quelli che puntano al cielo. Credo di averne raccontato le gesta con cognizione di causa. Lo credo. Ai lettori l'ardua sentenza.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »