Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Soltanto una vita

di Antonio Spagnuolo (Biografia)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/05/2014 11:18:21

Ninnj Di Stefano Busà : “Soltanto una vita” (romanzo) Ed. Kairòs – 2014 – pagg. 230 - €  14,00 –

 

Il destino dell’intera cultura umanistica sembra inesorabilmente volgere verso il tramonto, vorticosamente abbindolata com’è dai vari festival, fumettoni, lievi volgarità, che i mass media, la televisione, e non ultima l’esplosione di internet ( per il quale si trovano nella rete siti privi di ogni controllo scientifico) o alcune aggregazioni giovanili, riescono a diffondere nel pubblico disattento. Fortunatamente però c’è ancora qualche autore che riesce a realizzare testi di tutto rispetto, ricchi di ammalianti problematiche e sobriamente redatti, come è il caso del romanzo “Soltanto una vita”, che la poetessa Ninnj Di Stefano Busà ha dato alle stampe, quale importante contributo alla concretezza della scrittura. Una storia tutta tesa in una astrattezza quotidiana che aggancia la protagonista nelle sfumature particolari che impregnano con eleganza l’incontro con il personaggio chiave del suo racconto, Julie Lopez, ed il suo nuovo partner, George Martinez. I due hanno lasciato da poco tempo una realtà ostile, pesante,  annichilente, che manco a farlo a posta è simile per entrambi. Lei abbandona un marito preda continua di schizofrenia e psicosi , lui lascia una moglie gelosa, intransigente, fuori da ogni sincero sentimento e turbata psichicamente. I passaggi sono pennellati delicatamente mentre i giorni di queste vite “intrecciate indissolubilmente” sciorinano bagliori, che ondeggiano alle luci del mattino, o i torpori delle  illusioni inaspettate. Sentimenti, angosce, insicurezze, conquiste, speranze, presenti giorno dopo giorno, goccia a goccia come in un alambicco di cristallo purissimo, si alternano in una elegante stesura, agile, scorrevole, precisa. Con sicura maestrìa Ninnj Di Stefano Busà riesce a penetrare ed a riferire uno scavo psicologico singolare, padrona come è della “parola” e di una corretta realizzazione degli avvenimenti narrati. Con rinnovata saggezza e con appropriata condivisione ella riesce a scandagliare negli imprevisti segreti che la vita propone, concludendo un romanzo puntuale e soprattutto avvincente.

 

                                                                       ANTONIO SPAGNUOLO

*


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ninnj Di Stefano Busą, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.