Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 17 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 6 16:16:46 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

E’ giusto.

Argomento: Politica

di Francesco Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/12/2019 21:46:09

Non è altro che una preposizione affermativa ormai epitaffio per la ragionevolezza o, almeno per il buon senso.
Con questa preposizione le società, hanno operato e consolidato ogni sorta d’ignominia. Tutti gli spergiuri sulla condizione della libertà hanno trovato considerazione e proselitismo.
Probabilmente solo la fase dell’istinto dell’essere umano ha praticato l’etica suprema della necessità. Escludendo a ragione la condizione morale del giusto.
La violenza e con essa la strage dei competitori, invasori o invasi, era nell’obbligo della sopravvivenza.
Il progressivo stanziale e, prima ancora, la richiesta di sopravvivenza proiettata nell'incomprensibile, nel soprannaturale e,sempre maggiori flussi migratori hanno obbligato alla previsione progressiva di un sistema scandito da atti e gesti identificativi dell’appartenenza.
Riti, ritualità, e tramite essi, esclusivismi, estraniazioni hanno contribuito all'affermarsi di culture, che disperdevano l’umanità.
Il giusto diventa la forza delle leggi; sia nell'ambito dei costumi, sia nel rituale della religione.
E’ giusto incominciava a risuonare nelle liceità concesse dalle leggi o nell’utile dei costumi o nella pietà della religione.
E’ giusto risuonava nel coltello azteco pronto a colpire il cuore del sacrificato. E’ giusto risuonava negli zoccoli della schiera d’oro lanciata verso il Volga.
E’ giusto risuonava nell’abiura del Galilei.
Ingiustizie. Giuste per i sostenitori del giusto.
La giusta ingiustizia ha richiesto per sé sopportazioni devastanti e ancor oggi, nella complessità della società globalizzata dovrebbe necessitare l’affermazione di un’ideologia partecipativa, con l’esautorazione d’incrostazioni moraliste.
Proprio perché la giusta ingiustizia invade la vita dei cittadini.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Rossi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco Rossi, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia ] Proviamo a discernere il concetto base. (Pubblicato il 18/11/2019 13:19:34 - visite: 35) »

:: [ Politica ] Un appunto. (Pubblicato il 17/09/2019 22:26:02 - visite: 40) »

:: [ Politica ] Comprensione (Pubblicato il 06/07/2019 19:41:36 - visite: 105) »

:: [ Politica ] Indulgenza? (Pubblicato il 30/06/2019 21:46:14 - visite: 100) »