Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1009 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 17 19:12:27 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

’IGNACIO, milonga sin palabras’

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/06/2014 09:27:24

Ignacio … – milonga sin palabra

posado el vaso de quilnes toca el bandonéon
con los ojos cerrados como a retener la música
con las mangas enrolladas de la camisa blanca
y el cigarrillo que cuelga encendida entre los labios
qué se consume como su vida
entre el dolor y la melancolía del amor
que se a tenido adentro…

'Sangre, hombre'! - dice Ignacio
con un susurro profundo e intenso
todavía empujando más rápido sobre las teclas del bandonéon
qué invitan a su patán que está en si
a cruzar los pasos sobre la madera consumado de la milonga
en la espera de Consuelo …

".. adoro sus hombros sutiles, sus brazos ligeros
alrededor del cuello, así frágil, así indefensas
cada centímetro de su cuerpo;
.. adoro estas manos de los dedos elegantes que buscan mi cuerpo,
aquellos ojos que escudriñan mis ojos en la quietud
del amor"…

'Sangre, hombre!' - Ignacio repite
como por un mágico hechizo que ahuyenta el instante
infinito e intenso como la eternidad
hasta tocar la unicidad de la esencia de su amor
'porqué tus venas tienen sangre de bandoneon
una milonga sin palabras amigo':

.. adoro su seno tímido y perfecto,
sus piernas armoniosas entre las que me pierdo confiado
su vientre que no conoce infierno
... adoro el tango amisto, porque el tango es alegría y melancolía,
dolor y felicidad, posesión, silencio y olvido;
porque tango es morir que se pierde en el polvo del tiempo"…

'Sangre, hombre!' - Ignacio remacha
llevando a la boca el vaso de quilnes amargo como la hiel
en la milonga solitaria con las mesas pequeñas y redondas
y las sillas alrededor de la pista vacía qué nadie
esta noche lustrará ...
y desgarrando del bandonéon el sonido.


Ignacio … - milonga senza parole

posato il bicchiere di quilnes toca il bandonéon
con gli occhi serrati come a trattener la musica
le maniche arrotolate della camicia bianca
e la sigaretta che pende accesa tra le labbra
che si consuma come la sua vita
tra il dolore e la malinconia d’amore che si porta
dentro …

'Sangre, hombre!' - dice Ignacio
con un sussurro profondo e intenso
spingendo ancor più spedito sui tasti del bandonéon
che invitan il tanghero che è in sé
a incrociare i passi sul legno consumato de la milonga
nell'infinita attesa di Consuelo …

"..adoro le sue spalle sottili, le sue braccia leggere
intorno al collo, così fragili, così indifese
ogni centimetro del suo corpo;
..adoro queste mani dalle dita eleganti che cercano il mio corpo,
quegli occhi che scrutano i miei occhi nella quiete
dell'amore …"

'Sangre, hombre!' - ripete Ignacio
come per un magico incantesimo che fuga l'attimo
infinito e intenso come l'eternità
fino a toccare l'unicità dell'essenza del suo amore
'porqué tus venas tienen sangre de bandonéon
una milonga sin palabras amigo':

" ..adoro il suo seno timido e perfetto,
le sue gambe armoniose tra le quali mi perdo fiducioso
il suo ventre che non conosce inferno
...adoro il tango amico, perché il tango è allegria e malinconia,
dolore e felicità, possesso, silenzio e oblio
tango è morte che si perde nella polvere del tempo …"

'Sangre, hombre!' - ribadisce Ignacio
portando alla bocca il bicchiere di quilnes amara come il fiele
nella milonga solitaria coi piccoli tavoli rotondi
e le sedie intorno alla pista vuota che nessuno
questa notte lustrerà ...
desgarrando del bandonéon il suono.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ‘trasposizioni’ (Pubblicato il 16/06/2019 21:13:49 - visite: 14) »

:: ‘illusione di un giorno’ (Pubblicato il 29/05/2019 15:41:21 - visite: 34) »

:: ’fragile’ / 4 (Pubblicato il 27/05/2019 17:57:34 - visite: 29) »

:: ’fragile’ / 3 (Pubblicato il 23/05/2019 06:23:46 - visite: 33) »

:: ’fragile’ / 2 (Pubblicato il 14/05/2019 07:15:15 - visite: 47) »

:: ‘rimembranze’ (Pubblicato il 10/05/2019 05:43:06 - visite: 59) »

:: ’emanazioni’ (Pubblicato il 25/04/2019 12:24:32 - visite: 49) »

:: ’fragile’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 72) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 71) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 67) »