Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 806 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Mar 14 15:28:55 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Inno

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/09/2014 20:46:19

Amici, che odore di terra nel grembo. Fingevo, sapete, un'ala a caviglia - spingevo una pietra.
Schivavo me stessa, gettavo una sabbia all'intorno. Coprivo paure sepolte, coprivo la vita.
Un urlo taceva alle labbra - poi esplose nel ventre, ne ruppe le acque - e fu quasi morte.
Raccolsi le fasce dei vivi, le candide bende dei morti - dal basso, da dove non erano usciti.

Ancora li piango - i gesti rappresi, le gravide attese.

Ma sorge una mano che indica ancora il ritorno.

E torno a dove ero ferma, a dove non ero conclusa - li guardo, i volti scomparsi che covo nel ventre con occhi di bestia gelosa.

Divino il tempo infinito, le corse nei campi d'estate, i ritorni, la sera, col fumo di stoppie, il mare che canta lontano.

Il tempo ritorna, non quello che era e non è - non ritorna.
Ma torna nel tempo di ora un tempo che è e non era di allora - un tempo, ritorna, di sempre, di quando ancora non era, nel tempo, il tempo di ora né quello di allora.

Ritorna, un tempo di tutto e di sempre, di ora e di allora, di mai e di quando si era - di quando si era un unico grembo, un unico volto - nel tempo che ancora non era.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ti basti una tana nel vento (Pubblicato il 13/01/2019 15:47:10 - visite: 93) »

:: In trasparenza attraversati (Pubblicato il 07/01/2019 20:10:42 - visite: 129) »

:: Che strana cosa il mondo, amore del mio soffio (Pubblicato il 07/12/2018 20:26:59 - visite: 192) »

:: Cuore di silenzio (Pubblicato il 02/11/2018 10:07:21 - visite: 157) »

:: Mentre ragazzi (Pubblicato il 27/10/2018 19:11:32 - visite: 144) »

:: In mezzo al corpo (Pubblicato il 21/09/2018 17:46:10 - visite: 167) »

:: Curriculum (Pubblicato il 14/09/2018 09:52:22 - visite: 208) »

:: Se penso il pensiero (Pubblicato il 08/09/2018 19:59:01 - visite: 189) »

:: Tra mura troppo alte (Pubblicato il 18/08/2018 13:16:28 - visite: 212) »

:: Elegia - Offertorio (Pubblicato il 13/08/2018 14:36:32 - visite: 185) »