Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 856 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 20 09:40:35 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Prima ancora

di Franca Figliolini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/09/2014 06:45:50

c'è sempre la sorpresa che altri
siano già svegli, già in strada, producano rumori
da affanno quotidiano
prima ancora di me, senza di me
che vagheggio di albe pristine e solitarie
su un qualche cliff che precipiti nel mare.
in piedi, il vento che schiaffeggia
la gonna, i capelli un nero groviglio intorno al viso
affilato, non mio, eppure in qualche modo strano
appartenente a me che lo immagino.
così quando sale fin qui il rumore dell'autobus
o lo stridio di qualche macchina vecchia e stanca di vivere
quando sale fino al settimo piano
del mio personale abisso, sgrano gli occhi nocciola
dal centro nero, li sgrano fin quanto consentono
le cicatrici dell'iride, e mi chiedo chi siano,
chi siano questi esseri marini
che si moltiplicano col passare dei minuti,
finché la luce non li riconduce alla loro realtà
di lamiere e motori, pneumatici, claxon ancora timidi
prima dello scatenarsi della furia del giorno.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Figliolini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ora di oro rosa (Pubblicato il 12/03/2019 16:45:39 - visite: 52) »

:: Pini (Pubblicato il 12/03/2019 16:43:15 - visite: 36) »

:: Lacca imperiale (Pubblicato il 12/03/2019 16:42:11 - visite: 53) »

:: Leggendo N. Nobili (Pubblicato il 24/02/2019 23:07:37 - visite: 87) »

:: Ho fatto finta, insomma (Pubblicato il 12/02/2019 19:23:24 - visite: 81) »

:: Né chiedi (Pubblicato il 12/02/2019 19:20:35 - visite: 92) »

:: Nucleo di fuoco (Pubblicato il 05/02/2019 19:46:23 - visite: 90) »

:: Ignara me (Pubblicato il 02/02/2019 12:20:45 - visite: 103) »

:: Precipitato (Pubblicato il 30/01/2019 09:23:29 - visite: 82) »

:: Con la dovuta fatica (Pubblicato il 21/01/2019 16:53:52 - visite: 120) »