Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1447 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 19 20:25:39 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cantico di Natale 3 - Anno Domini

Argomento: Letteratura

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2012 06:38:20

Cantico di Natale - (3)
(mito e leggenda di una tradizione sempre viva)

(Testo originale della trasmissione omonima radiofonica scritto per “Studio A” della Radio Vaticana. Da “ANNO DOMINI”: Usanze e costumi di una tradizione – di Giorgio Mancinelli - Grafica e Arte Bergamo. Copyright 1989).

IV
“...da Te verrammi colui che dee essere dominatore in Israele,
e la generazione di Lui è da principio, dai giorni dell’eternità”.

(Michea V v.II – Antico Testamento)

E già le voci si rincorrono da una stanza all’altra festose nel fervore dei preparativi, lontane, sommesse: una chiama l’altra e un’altra ancora, fino a confondersi, come se giungessero dai ricordi. E come dietro i vetri appannati, ogni cosa si perde nell’irrealtà, per divenire oggetto di un desiderio che attraversa il tempo, che forse Natale vuol dire... il passato e il presente nell’affermarsi di antichi ritorni. L’infanzia che mai ci abbandona e che riporta la passata allegrezza, dove ognuno diventa personaggio dello scenario immaginario che s'apre al Natale.


Allora fuori dalla finestra, il paesaggio, il piccolo borgo, la città merlata, il borgo medievale, sono il Presepe di ieri, di oggi, di sempre: alcune stecche di legno, qualche foglio di carta, i colori, le forbici, la colla, le puntine, ed ècco nasce un ruscello di carta stagnola, un ponte di sughero, un albero di stoppa, alcune case di cartone abbarbicate su finte montagne come sospese sotto un cielo racchiuso fra delle tavolette, dove la luna, muta, lascia il posto a una stella che brilla al di sopra di una profonda notte incantata:

“Questa notte, quando la luna spunterà
la cambierò in moneta sonante.
Ditelo pure se volete. Non m’importa
che si sappia.
Per quanto, essa sia un vecchio ricordo
di famiglia”.

È questa una poesia di Jorge Guillén (1893-1984) che ho ritrovata in un vecchio diario che di tanto in tanto apro senza un vero perché, ma forse in segreto lo so, lo faccio per riappropriarmi del significato della festa che il Natale rappresentava per me, per risentire i suoi profumi, riempirmi gli occhi dei suoi colori e la testa di sogni, o forse, solo il cuore di mille piccole illusioni.

 

Natale vuol dire... ed ecco l’eco ritorna, e limpido, silenzioso, scorre il fiume della vita, che riporta sempre a un altro Natale di molto tempo prima, quando ancora Cat Stevens cantava “Morning has broken”:

“Morning has broken, like the first morning
Blackbird has spoken, like the first bird
Praise for the singing, praise for the morning
Praise for the springing fresh from the world

Sweet the rain's new fall, sunlit from heaven
Like the first dewfall, on the first grass
Praise for the sweetness of the wet garden
Sprung in completeness where his feet pass

Mine is the sunlight, mine is the morning
Born of the one light, Eden saw play
Praise with elation, praise every morning
God's recreation of the new day

Morning has broken like the first morning
Blackbird has spoken like the first bird
Praise for the singing, praise for the morning
Praise for them springing fresh from the world”.

L'alba è sorta.
L'alba è sorta, come la prima alba / L'uccello nero ha cantato, /come il primo uccello, / Lodate il canto, lodate l'alba / Lodate la frescura che sorge dal mondo. / Dolce cade la nuova pioggia, luce dai Cieli, / Come la prima rugiada, sulla prima erba, / Lodate la dolcezza del giardino umido / Che nasce già completo dove i Suoi piedi si posano. / Mia è la luce del sole, mia l'alba, / Nata dall'unica luce che l'Eden vide giocare, / Lodate dal cuore, lodate ad ogni alba / La nuova creazione divina del nuovo giorno. / L'alba è sorta, come la prima alba / L'uccello nero ha cantato, come il primo uccello, / Lodate il canto, lodate l'alba / Lodate la frescura che sorge dal mondo.

Entrata, seppure solo di recente, nella tradizione inglese delle ‘Carols’ natalizie, la riascolto aspettando che il giorno dell'Avvento, nella ‘speranza’ che il Natale ritrovi infine un suo posto nel mondo a completamento del mosaico di ‘pace’ che noi tutti andiamo componendo. I più giovani mi scuseranno se nelle mie parole troveranno un tono un po’ malinconico e un po' 'nostalgico'; che posso farci, è colpa dell'età. Solo perché, tutto sommato, un po’ di anni ce li ho e l’infanzia che mi porto dietro, mi torna a volte all’orecchio e mi fa riascoltare vecchie melodie e canzoni che non ho mai dimenticato. Come questo ‘gospel’ ad esempio, eseguito dal vivo proprio a ridosso delle feste in tutto il mondo, dal gruppo degli Up With People: “What color is God’s skin?” di Thomas Wilkes e David Stevenson, portata al successo dagli Up With The People, un gruppo formato da bambini di tutte le razze, e che in qualche modo, mi riconcilia con questa umanità così diversa e così uguale, con le stesse speranze e le stesse disillusioni:

“Good night I said
to my little son
so tired out, when
the day was done.
Then he said as I
tucked him in,
‘Tell me Daddy,
what color is God’s skin?’
I said it’s black,
brown it’s yellow,
it’s red, it is white
every one’s the same
in the good Lord’s sight.
He looked at me
with those shining eyes.
Well I knew, that I
Could tell no lies.
When he said
‘Daddy, why do the
different races fight,
Il we’ve the same in
the good Lord’s sight?’
Son, that’s part of
our suffering past
but we whole
human family is
learning at last.
That the thing we
missed on the road
we trod.
Was walking as the
daughters and the
sons of God.
Yes, every one’s
the same in the
Good Lord’s sight”.

Di che colore è la pelle di Dio?
Buona notte dissi al mio bambino / tanto stanco quando il giorno finì. / Allora chiese: "Dimmi, papà, / la pelle di Dio che colore ha?"/ Di che color è la pelle di Dio? / E' nera, rossa, gialla, bruna, bianca, perché / lui ci vede uguali davanti a sé. / Lui ci vede uguali davanti a sé. / Con l'occhio innocente egli mi guardò, / mentire non potevo quando domandò: / "Perché le razze s'odiano, papà, / se per Dio siamo una sola umanità?" / "Questo, figliolo, non continuerà, / l'uomo al fine imparerà / come dobbiamo vivere noi / figli di Dio da ora in poi." / Si, perché ognuno è uguale / Agli occhi di Dio.

Se Natale vuol dire speranza di pace, volersi un po’ più di bene, allora l’amore è parte della memoria occulta del mondo, o forse è una bella fiaba che sentiamo raccontare da sempre, e che in fine, questo nostro mondo continuerà a girare, almeno finché ci sarà amore. Ed ecco, infatti, che dietro l’esperienza di una vita passata alla ricerca di significati, di dare un senso alle cose, ai gesti, alle parole, posso oggi apprezzare quella che ritengo sia la festa più bella dell’anno, festa dell’incontro e dell’amicizia, una festa d’amore da condividere con gli altri.

Guarda! Già il tuo Presepe s’illumina, s’accendono a cento a mille le candele sugli alberi. Attraverso le tue finestre s’intravede gente festose che si scambia auguri, baci, sorrisi, regali... è questo il tuo Natale d’amore. Natale vuol dire... esultanza, e lassù, in alto, le stelle illuminano la notte del tuo Presepe, che danzar sembra vederle. Guarda il passante che s’attarda freddoloso lungo la via, che si ferma davanti alle vetrine illuminate, che affolla i negozi in cerca di un suggerimento per i prossimi regali. Perché Natale vuol dire...il piacere di un dono, il prestigio di un regalo sapientemente scelto, ma anche di un biglietto d’auguri, o una telefonata a una persona cara o lontana. Tutto allora può servire allo scopo:

“Pensa quattro parole, scrivile su un biglietto, allegalo a una musica che sò, a un disco strenna, e resta ad ascoltare. Presto la musica si leverà nell’aria e porterà il tuo messaggio sulle note di un violino, o forse di una celesta, in un concerto di voci o nell’insieme di una grande orchestra. E il tuo Natale si trasformerà in una festa”.

Guarda il barbone che non ha nessuno, che ha freddo e non sa dove andare a dormire, anche per lui è Natale. E se ti capita di ascoltare le ‘ciaramelle’ di uno zampognaro, sappi che anche per lui Natale vuol dire...ch’è un giorno di festa, che il suono del suo strumento è ben accetto alle orecchie di Dio, che ci ha creato in tanti, proprio per non farci sentire soli. E se nel cielo scorgi una stella, afferrala, come il sole e la luna accendila, ti servirà per illuminare la tua notte, e gli astri a profusione ripeteranno all’eco il tuo messaggio d’amore, per un mondo migliore.

Scritta nel 1971 da John Lennon e la moglie Yoko Ono, “Happy Xmas” (War Is Over) è una canzone di protesta contro la guerra in Vietnam; i bambini del sottofondo fanno parte dell’Harlem Community Choir:

“So this is Christmas
And what have you done
Another year over
And a new one just begun
And so this is Christmas
I hope you have fun
The near and the dear one
The old and the young
A very merry Christmas
And a happy New Year
Let’s hope it’s a good one
Without any fear

And so this is Christmas
For weak and for strong
For rich and the poor ones
The world is so wrong
And so happy Christmas
For black and for white
For yellow and red ones
Let’s stop all the fight
A very merry Christmas
And a happy New Year
Let’s hope it’s a good one
Without any fear.

And so this is Christmas
And what have we done
Another year over
And a new one just begun
And so this is Christmas
I hope you have fun
The near and the dear one
The old and the young
A very merry Christmas
And a happy New Year
Let’s hope it’s a good one
Without any fear
War is over
If you want it
War is over
Now…”

Buon Natale.
E così è arrivato il Natale, / e tu cosa hai fatto? / Un altro anno se n’è andato / e uno nuovo è appena iniziato. / E così è Natale, / auguro a tutti di essere felici / alle persone vicine e a quelle care / ai vecchi ed ai giovani. / Buon Natale / e felice anno nuovo. / Speriamo sia un buon anno / senza timori né paure. / E così è Natale, / per i deboli ed i forti, / per i ricchi ed i poveri, / il mondo è così sbagliato. / E così è Natale, /per i neri ed i bianchi, / per i gialli ed i rossi, / smettiamola di combattere. / Buon Natale / e felice anno nuovo. /Speriamo sia un buon anno / senza timori né paure. / E così è Natale, / con tutto quello che è successo. / Un altro anno se n’è andato / e uno nuovo è appena iniziato. / E così è Natale, / auguro a tutti di essere felici / alle persone vicine / e a quelle care / ai vecchi ed ai giovani. / Buon Natale / e felice anno nuovo. / Speriamo sia un buon anno / senza timori né paure. /La guerra è finita / Se tu lo vuoi / La guerra è finita / La guerra è finita, adesso.

Ed ecco! Il dono che avevo in serbo per Te e per tutti Voi è giunto appena in tempo: facciamo anche noi in modo di poter cantare un giorno ‘la guerra è finita’ nel mondo e uniamoci al coro, con Leonard Cohen in questo straordinario “Hallelujah”:

"Now I've heard there was a secret chord
That David played, and it pleased the Lord
But you don't really care for music, do you?
It goes like this
The fourth, the fifth
The minor fall, the major lift
The baffled king composing Hallelujah

Hallelujah , Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

Your faith was strong but you needed proof
You saw her bathing on the roof
Her beauty and the moonlight overthrew you
She tied you
To a kitchen chair
She broke your throne, and she cut your hair
And from your lips she drew the Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

You say I took the name in vain
I don't even know the name
But if I did, well really, what's it to you?
There's a blaze of light
In every word
It doesn't matter which you heard
The holy or the broken Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

I did my best, it wasn't much
I couldn't feel, so I tried to touch
I've told the truth, I didn't come to fool you
And even though
It all went wrong
I'll stand before the Lord of Song
With nothing on my tongue but Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah"

Ho sentito che c’era un accordo segreto / Che David suonava, e piaceva al Signore/ Ma non è che ti interessa la musica, vero? / Fa così / La quarta, la quinta / Minore diminuita, maggiore aumentata / L’imperscrutabile re compone l’Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

La tua fede era forte / ma avevi bisogno di prove / L’hai vista farsi il bagno sul tetto / la sua bellezza e la luce della luna ti sconfissero / Ti ha legato / alla sedia d’una cucina / Ruppe il tuo trono, / e tagliò i tuoi capelli / E dalle tue labbra delineò l’Hallelujah

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

Dici che ho preso il nome invano / Non lo conosco neanche il nome / Ma se lo conoscessi, bè, davvero, / cosa significa per te? / C’è un incendio di luce / In ogni parola / Non importa quale hai sentito / L’Hallelujah santo o quello stentato

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah

Ho fatto del mio meglio, non è stato molto / Non riuscivo a “sentire”, / così ho provato a toccare / Ho detto la verità, / Non sono venuto a raggirarti / E anche se / Fosse stato tutto sbagliato / Starò dritto davanti al Signore della canzone / Solo con l’Hallelujah nella mia bocca

Hallelujah, Hallelujah
Hallelujah, Hallelujah


Auguri vivissimi a tutti per un Felice Natale e un migliore Anno Nuovo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Religione ] La morte che vince la morte - meditazione di don Luciano. (Pubblicato il 10/04/2019 06:44:36 - visite: 60) »

:: [ Teatro ] ’Progetto Demoni’ - prime date in Campania (Pubblicato il 03/04/2019 11:56:39 - visite: 51) »

:: [ Musica ] “Emozioni private,Lucio Battisti, una biografia psicologica (Pubblicato il 27/03/2019 18:02:58 - visite: 71) »

:: [ Psicologia ] La forza del desiderio - un libro di Massimo Recalcati (Pubblicato il 03/03/2019 07:09:12 - visite: 120) »

:: [ Letteratura ] Euterpe Rivista di Letteratura n.28 (Pubblicato il 01/02/2019 10:49:48 - visite: 83) »

:: [ Arte ] Matera: Capitale Europea della Cultura (Pubblicato il 21/01/2019 07:02:32 - visite: 130) »

:: [ Religione ] Cercatori di Dio : Epifania (Pubblicato il 03/01/2019 19:23:12 - visite: 158) »

:: [ Letteratura ] Etnomusica – alle radici del sole: Giappone (Pubblicato il 16/11/2018 12:09:53 - visite: 177) »

:: [ Libri ] Invito alla lettura d’autunno … Libri poesie e altro (Pubblicato il 03/10/2018 18:02:23 - visite: 270) »

:: [ Libri ] La Prova un libro di Carlo Pompili (Pubblicato il 21/09/2018 00:51:14 - visite: 214) »