Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 614 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 5 04:29:07 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ecco con te

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/11/2015 03:15:59

Smettila di raccogliere i quarzi dalle forche cave della Luna

il pianto non consuma solo gli occhi dei bambini

tante volte il cielo si frantuma a disegnare nuvole vicine

tra le tue braccia, per far prendere al fiume il giusto verso delle mani

a bere un sorso d' acqua mentre la cima del monte si fa cresta

e la Grotta dei Piccioni sembra l' occhio vuoto di un pirata.

I covoni a valle si ricordano del grano in circoli virtuosi

di poche parole e troppi bicchieri

ma senza cantare una canzone di meno.

Il fieno, il vino, le bestie da soma

la sorgente segreta di una bellezza per tutti

quando il fuoco trasforma i colori all' ombra del bosco

e stiamo zitti per vedere fino a dove arrivino i pensieri nostri

e di nessuno.

E se ci fai caso, ad un certo punto della storia arriva sempre una stella 

a coprirci di gloria, per qualche secondo o un rumore lontano

a farci paura.

Ecco, con te, ecco con te, vorrei parlare di certe cose

abbracciati nel sonno.

Passare al setaccio il futuro per farne ricordi da latte

da letto rotondo nelle ore notturne

e ai giorni di festa mostrargli il petto da mandare in frantumi

come Lancillotti in stato di grazia e Ginevre d' altura.

Ma la mia paura è di restare da solo senza essere qualcuno

che valga la pena di ricordare almeno per un atto di misericordia

il tentativo di un volo, di un salto nel vuoto a misura del buio

ognuno del suo, il mio ha la luce dei tuoi occhi neri

quando guardano nei miei e non perdonano.

Così il tempo passa, senza chiedere il permesso alle nostre vite

e la clausura dei giorni diventa una Venere di cristallo

e guai a chi la tocchi o siamo perduti

a saperlo mai niente finisce davvero, anche quando va in frantumi

a saperlo giudicare col senno di poi

mentre siamo ancora vivi e in preda ai nostri sogni di gloria

di rimozione meccanica dei dolori necessari

il peccato mortale di morire invece di tornare giovani

e restarlo per sempre

senza essere uguali per questo o quell' altro motivo.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 20) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 27) »

:: Fuori schema (Pubblicato il 09/01/2020 03:07:41 - visite: 44) »

:: Cara la pelle (Pubblicato il 04/01/2020 03:10:47 - visite: 47) »

:: Dalla materia sbagliata (Pubblicato il 03/01/2020 02:16:06 - visite: 43) »

:: L’oblio ne ha facoltà (Pubblicato il 02/01/2020 03:01:05 - visite: 44) »

:: Oltre la soglia (Pubblicato il 23/12/2019 02:12:30 - visite: 56) »

:: Ho fattezze (Pubblicato il 19/12/2019 01:51:10 - visite: 76) »

:: Tra le pieghe del tempo (Pubblicato il 16/12/2019 01:26:59 - visite: 78) »

:: Attraversando il bardo (Pubblicato il 15/12/2019 02:00:31 - visite: 74) »