Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 580 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 19 01:23:40 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La distanza dagli occhi

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/11/2015 05:37:26

"A un mio amico ha guardato una stella nel cielo 

gli ha cambiato il colore degli occhi"

l' evanescenza onirica

o quell' attimo di coscienza nei sogni

che c' hai l' acqua che ci tocchi e non ci tocchi

vivere è un dono che c' ha dato il cielo

la distanza dagli occhi

gli dei hanno smesso d' impicciarsi dei fatti nostri

quando siamo caduti così in basso

da vederli utili come facciamo con gli uomini

per i nostri fini che conoscono ogni mezzo

ne sanno una più del diavolo.

Il dio che ci facciamo per farci coraggio 

non può essere lo stesso che ci fa prigionieri

per pagare il riscatto ci berremo a lungo la condizione di schiavi.

Ma da soli chi pregheremmo nelle lande desolate?

Nella solitudine di alcove senza ventri?

Queste gabbie dorate stanno perdendo lo smalto

denti di un tossico

ruggine che glorifica il divano

non basteranno i guaritori africani con le loro iene al guinsaglio

per ricordarci i versi delle canzoni

che sembravano delle cazzate a Franco Battiato

quando gli vennero di colpo

ii ii ma quando si trattava di parlare aspettavamo sempre con piacere

come stasera, ultimi a dirsi ancora addio.

Dirci cose che non stanno nè in cielo nè in terra

ma in uno spazio obliquo che attraversa tutto

e  crea nuove possibilità per conoscersi.

Esercitare potere sui propri sogni

perchè i desideri non invecchino quasi mai con l' età

guardare oltre i confini degli occhi

per immaginare un' altra realtà da vegliare.

Chiudere gli occhi, aprire gli occhi contagiosi

succhiata la linfa dalle radici del pensiero

scoprire il segreto della vita da un' onda d' energie che va e viene

la malinconia di dover essere mortali

perchè tutto continui 

ci sopravviva.

Tu immagina cosa sembrano a me queste cose che scrivo

anche se servono solo a scaricare a terra certe scosse

adempione perfettamente alla loro funzione di vene.

Up patriots to arms, armiamoci e partite.

Resto a sognare ancora un po' tra le mie grinfie

fumando un' altra sigaretta.

Perchè i lupi non smettono di ululare

prima di aver dato un nome alla Luna.

Ridi con me, perchè sto ridendo

prendiamoci un po' in giro senza farci del male

con la saggezza dei cani che nascondono gli ossi in cortile

o come le Balinesi nei giorni di festa.

Che si arrenda la mia anima alla tua

che differenza vuoi che faccia se stiamo tornando all' uno?

Ci si abitua alle parole come alle carezze di un padrone.

E poi non se ne può fare più a meno

allora che ci raccontino di rivoluzioni

diventa essenziale perchè si conservi la voglia di essere liberi.

A che servono i poeti?

Con tutto che fuori c' è la guerra e io non sono nessuno

che si muoia d' amore è un fatto compiuto.

A briglia sciolta, alla velocità del pensiero, al ritmo della musica

balliamo i nostri giorni che rimangono aggrappati alla vita.

Like a rolling stone e Apriti Sesamo fino a deriva di una deriva.

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 45) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 46) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 62) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 48) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 57) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 52) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 63) »