Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Due poesie d’Amore

di Emily Dickinson (Biografia)

Proposta di Laura Turra »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2018 20:48:51

Emily Dickinson (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886)

 

Ho sempre amato

 

Ho sempre amato,

e te ne do la prova:

prima di amare,

io non ho mai vissuto pienamente.

 

Sempre amerò,

e questo è il mio argomento:

l’amore è vita

e la vita ha qualcosa di immortale.

 

Se dubiti di questo,

allora io, amore,

nient’altro ho da mostrare,

nient’altro che il Calvario.

 

***

 

Se tu dovessi venire in autunno 

 

Se tu dovessi venire in autunno

mi leverei di torno l'estate

con un gesto stizzito ed un sorrisetto,

come fa la massaia con la mosca.

 

Se entro un anno potessi rivederti,

avvolgerei in gomitoli i mesi,

per poi metterli in cassetti separati -

per paura che i numeri si mescolino.

 

Se mancassero ancora alcuni secoli,

li conterei ad uno ad uno sulla mano -

sottraendo, finché non mi cadessero

le dita nella terra della Tasmania.

 

Se fossi certa che, finita questa vita,

io e te vivremo ancora -

come una buccia la butterei lontano -

e accetterei l'eternità all'istante.

 

Ma ora, incerta della dimensione

di questa che sta in mezzo,

la soffro come l'ape-spiritello

che non preannuncia quando pungerà.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Laura Turra, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: da ’La voce a te dovuta’ , di Pedro Salinas (Pubblicato il 16/04/2019 09:14:13 - visite: 60) »

:: da Poesia come arte che insorge #poesiapoeti , di Lawrence Ferlinghetti (Pubblicato il 22/03/2019 13:43:21 - visite: 118) »

:: Sarà santo l’asino , di Mariangela Gualtieri (Pubblicato il 25/12/2018 06:21:38 - visite: 227) »

:: Del corpo II , di Roberta Dapunt (Pubblicato il 25/10/2018 05:49:30 - visite: 170) »

:: Come se tu senza volerlo , di Fernando Pessoa (Pubblicato il 16/10/2018 15:11:47 - visite: 202) »

:: 2 poesie , di Franco Arminio (Pubblicato il 28/05/2018 09:44:00 - visite: 493) »

:: Quasi una moralità , di Umberto Saba (Pubblicato il 05/05/2018 05:34:21 - visite: 1103) »

:: L’acqua assorta , di Maria Zambrano (Pubblicato il 06/05/2017 11:33:16 - visite: 475) »

:: Architetture intime , di Jaime Garcia Terrés (Pubblicato il 31/03/2017 10:06:11 - visite: 308) »

:: Memorandum , di Hans Sahl (Pubblicato il 27/01/2017 09:36:55 - visite: 546) »