Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 50 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 24 13:48:48 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pace

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/11/2017 16:04:06

"Pregate per la pace, la pace, la pace."

 

(Da un messaggio di Medjugorje.) 

 

 

"Che bel prato inglese."

"Sarebbe perfetto per un campo di calcio."

"Magari il campo della nostra scuola fosse così."

"Già, invece dobbiamo giocare in un campetto sportivo spelacchiato."

La scolaresca scorrazzava nel verde prato cosparso di candide croci, perfettamente allineate come militari schierati per una rassegna ufficiale. Difatti era un cimitero dove riposavano le spoglie mortali di soldati alleati caduti durante la seconda guerra mondiale.

"È pure merito loro," disse l'insegnante "se noi adesso abbiamo pace e libertà. Una pace sempre più in pericolo, e una libertà di cui spesso si abusa."

"Questa tomba è diversa."

"Non ha la croce."

"Ha una girandola."

"No, è una stella."

"Quella è la stella a sei punte di David, ragazzi. Essa è il simbolo della religione ebraica. In quella tomba c'è sepolto un soldato ebreo."

Qualcuno pose sulla stella bianca una rosa rossa con parecchie foglie verdi.

"Le tre religioni monoteiste hanno un capostipite comune: Abramo. Egli è il patriarca dell'ebraismo, del cristianesimo, dell'islamismo."

Nel silenzio del cimitero un'ala di vento avvolse in un unico abbraccio vivi e defunti.

"Ragazzi, chi vuole reciti una preghiera. L'eterno riposo dona a tutti loro, o Signore, e splenda a essi la luce perpetua. Riposino in pace. Amen."

"Pace." disse un ragazzo cattolico.

"Shalom." disse una ragazza ebrea.

"Salam." disse un ragazzo musulmano.

La scolaresca sciamò via. Nel cimitero restò soltanto la persona che aveva posto la rosa sopra la tomba: una mesta vecchietta. Ella sedé sull'erba, poggiò la schiena alla stele col fiore e sospirò.

"Ecco come preferisco stare qui. Senza nessuno in giro, da sola con te, Ronald."

"Anch'io, Rosalind."

"Quanti anni son passati?"

"Tanti."

"Com'è lento il tempo dell'attesa."

"Ma passa."

"Io avrei voluto morire giovane con te. E invece sono invecchiata senza te."

"C'è un disegno divino."

"Mi ami ancora, anche se sono ormai vecchia?"

"Io vedo la tua anima, Rosalind, ed essa è bella. Sei ancor più bella di quand'eri giovane."

"Sono stanca di aspettare, Ronald. Languo dal desiderio di rivederti. Quanto manca al nostro ricongiungimento? Quanto manca per andar insieme a Casa?"

"Ormai ci siamo. È giunta l'ora. L'attesa è finita finalmente, per te e per me. Tu hai finito il tuo pellegrinaggio terreno, e io ho finito la mia purificazione spirituale, anche grazie alle tue amorose preghiere. Adesso possiamo andare insieme nella pace della Luce!"

"Da tanti anni aspetto questo momento!"

Comparve un bel giovane in divisa da ufficiale. Lui con galanteria si chinò e porse la mano alla donna per aiutarla ad alzarsi. Lei la prese e si mise in piedi, mentre il suo corpo si abbatteva sull'erba della tomba. La donna era giovane e aveva un elegante abito anni Quaranta.

"Ronald!"

"Rosalind!"

La bella coppia con slancio si abbracciò e si baciò. Nel cimitero silente l'altra ala di vento l'avvolse e la sollevò verso il cielo sfolgorante.

Dove scomparve.

 

(Racconto già pubblicato da Il Maestrale.)

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Gaetano Lo Castro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il sole e il nero (Pubblicato il 09/09/2017 15:51:54 - visite: 78) »

:: Il falco pellegrino (Pubblicato il 30/05/2017 17:10:16 - visite: 100) »

:: Il fico d’India (Pubblicato il 12/05/2017 22:08:55 - visite: 93) »

:: Giovanni, il prediletto (Pubblicato il 10/04/2017 14:18:50 - visite: 115) »

:: La primula gialla (Pubblicato il 01/03/2017 11:21:42 - visite: 208) »

:: Luca, lo scriba della misericordia di Cristo (Pubblicato il 13/02/2017 19:19:16 - visite: 239) »

:: Viaggio extracorporeo con Maria (Pubblicato il 31/08/2016 13:03:56 - visite: 340) »

:: Marco, il leone alato (Pubblicato il 25/04/2016 12:09:04 - visite: 357) »

:: La donna luminosa (Pubblicato il 08/03/2016 00:23:31 - visite: 440) »

:: Se non diventerete come bambini... (Pubblicato il 01/02/2016 16:20:22 - visite: 350) »

:: La Verità (Pubblicato il 01/01/2016 00:06:34 - visite: 411) »

:: Le due torri (Pubblicato il 18/11/2015 07:43:05 - visite: 380) »

:: La Regina della Luce (Pubblicato il 01/10/2015 13:09:34 - visite: 378) »

:: La voce dell’universo (Pubblicato il 01/09/2015 16:05:50 - visite: 381) »

:: La coppia di stelle (Pubblicato il 30/06/2015 13:26:52 - visite: 445) »