Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 359 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 19 07:18:35 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Chi resisterà al nuovo anno?***

di Salvatore Pizzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/12/2016 18:23:46

... Bisognerà chiederlo a quelli di Gaza

o ad Aleppo, tra le mille opposte fazioni

magari anche nel Kurdistan siriano

nel Congo, in Etiopia, in Somalia...

E perchè no nelle Filippine o in Nigeria?

Nelle favelas forse è già primavera a Rio o San Paolo.

Ma ci sono primavere che sono già autunno

ed autunno ch'è festa colorata chimera

per Haiti dilavata o Kunduz assediata:

chi resiste all'autunno eritreo

solo l'inverno lo deciderà

coronando le salme con fiocchi di segale

cornuta sfarinatura di bombe per i resistenti

impolverati dall'autunno impallinati

dimenticati anche dal nuovo anno

a Ramallah.

 

***Spero che i tanti botti non vi abbiano spaventati. Tuttavia sono certo di averne dimenticati molti altri. In ogni caso credo che siano già sufficienti per festeggiare l'arrivo del nuovo anno con la consapevolezza che il mondo è sempre in guerra, nonostante la falsa certezza di molti, di poter vivere in pace quando tutto intorno è uno strepitare di armi e di lamenti, di fuggitivi, di morti e di feriti...

Per quanto mi riguarda vi abbraccio tutti augurandovi il meglio per l'anno a venire, affinchè possano vedersi realizzati i sogni di tutti e la pace per ognuno......

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Pizzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: è (Pubblicato il 22/04/2019 15:43:07 - visite: 36) »

:: Impavidi a prua (Pubblicato il 14/04/2019 19:34:26 - visite: 73) »

:: Sull’aria di una sarabanda (Pubblicato il 08/04/2019 17:41:37 - visite: 79) »

:: Invettiva (Pubblicato il 01/04/2019 18:24:54 - visite: 148) »

:: Vampirizzati a primavera (Pubblicato il 22/03/2019 16:51:20 - visite: 116) »

:: Magicamente (4) (Pubblicato il 15/03/2019 18:06:59 - visite: 101) »

:: Marley, oh Marley (vilsonetto reggae) (Pubblicato il 08/03/2019 17:39:40 - visite: 156) »

:: Di questi tanti (ritratti) (Pubblicato il 02/03/2019 14:34:58 - visite: 134) »

:: Pseudosonetto hard (rock) (Pubblicato il 23/02/2019 19:21:43 - visite: 144) »

:: Note e noci (Pubblicato il 17/02/2019 19:39:16 - visite: 122) »