Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 16 17:04:43 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Crisalide

di Lara Puce
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/06/2018 21:46:11

Osservarla e notare come cresce... ispira simpatia, allegria e un filo di leggerezza il suo volto. Il sorriso le illumina gli occhi, probabilmente grazie anche all'ingenuità del suo essere ancora bimba.

Parla, oh si! Tanto... e non posso che sorridere al ricordo della serietà nei suoi discorsi così futili. Un adorabile acerba donna che comprende già quant'è necessario soffrire per crescere; dolori compresi da una sensibilità probabilmente fuori dal comune, che nemmeno lei sa di avere; una sensibilità che, come una tela tesa all'estremo, corre il rischio di essere stracciata in brandelli da recuperare. Ma il vigore della gioventù è la cura migliore, la più giusta.

Fragile, si... ma forte. Forte della sua capacità di risollevarsi e correre incontro alla vita. Ora più attenta, ma non per questo meno risoluta.

Bella, ma inconsapevole. Com'è giusto che sia.

Grande, ma solo a tratti. Nella realtà del suo mondo è più che giusto...

La vita le ha tolto qualcosa, lo si legge nei suoi giovani occhi.

Ma impara, e scoprirà quanto di bello si può avere da un mondo che fondamentalmente è neutro, e che spetta a noi colorare nel giusto modo e nei tempi che vogliamo.

La soffice, ilare serenità di un'adolescenza costruita su solide basi; la semplicità di una ragazzina che scoprirà di essere donna dopo aver compreso di essere individuo.

 

Tutto ciò ho visto in lei; poche righe e tanti sorrisi mi hanno raccontato passato e futuro di una bellissima crisalide.

E la osservo... la osservo ancora e aspetto. Sarà meraviglia vederla sbocciare; sarà meraviglia osservarla vivere.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lara Puce, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Vite sfiorate (Pubblicato il 07/08/2018 23:15:22 - visite: 67) »

:: Piccoli grandi mostri: xylella (Pubblicato il 30/01/2018 22:38:04 - visite: 163) »

:: Quell’unico splendido attimo (Pubblicato il 19/01/2018 21:25:50 - visite: 119) »

:: Castelli di carte (Pubblicato il 07/01/2018 20:42:40 - visite: 114) »

:: ...o per tutta la vita (Pubblicato il 28/12/2017 15:29:07 - visite: 105) »

:: I sassi della strada vecchia di Trezza (Pubblicato il 15/10/2017 20:58:34 - visite: 148) »