Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 138 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 17 03:02:05 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il tempo d’un ultimo volo

di Giulia Bellucci
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/03/2017 21:03:33

Voglio sentire ancora
il sole baciare le mie guance,
il vento scompigliarmi i capelli,
la pioggia bagnare la terra,
i tuoni che squarciano improvvisi,
le onde del mare infrangersi sulla sabbia.

 

Voglio vedere ancora
gli alberi che si rivestono di verde,
la luna che segna i miei passi,
il volo delle rondini a primavera,
la scia d'un aereo che attraversa il cielo,
il mare d'un azzurro arcano e profondo.

 

Voglio toccare ancora
con incerti passi i sentieri del mondo,
andare ramingo e solitario cercando la vita.
Voglio credere ancora
in sogni rilucenti come le stelle
inseguendo ideali in un'impavida vita,

 

lottare fino allo strenuo per ciò che edifica
l'animo ed annienta l'ingiustizia terrena.
Non tarpare perciò le mie fragili ali,
lasciami il tempo d'un ultimo volo,
dammi il tempo per un'ultima speme
ch'elevi l'animo nel suo infinito cercare.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Giulia Bellucci, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Regalami un tuo verso (Pubblicato il 15/12/2017 12:28:19 - visite: 85) »

:: Dicotomie (Pubblicato il 13/12/2017 13:18:10 - visite: 55) »

:: Autunni lucani (Pubblicato il 06/12/2017 13:56:29 - visite: 82) »

:: Interminabile viaggio (Pubblicato il 01/12/2017 07:24:28 - visite: 69) »

:: Come rose rubate al sole (Pubblicato il 24/11/2017 14:16:26 - visite: 93) »

:: Notte lunga di dicembre (Pubblicato il 16/11/2017 11:55:53 - visite: 93) »

:: Dietro le porte sprangate (Pubblicato il 14/11/2017 16:40:48 - visite: 81) »

:: Memoriae (Pubblicato il 02/11/2017 11:34:31 - visite: 78) »

:: Caducità estive (Pubblicato il 28/10/2017 07:47:54 - visite: 126) »

:: L’ombra del virtuale (con il contributo di Klara Rubino) (Pubblicato il 04/10/2017 13:59:09 - visite: 138) »

:: Tosto l’autunno (Pubblicato il 28/09/2017 15:05:08 - visite: 101) »

:: L’inverno dietro le porte (Pubblicato il 22/09/2017 15:10:39 - visite: 91) »

:: Settembre (Pubblicato il 02/09/2017 15:50:51 - visite: 151) »

:: Per i sentieri vuoti (Pubblicato il 28/08/2017 08:11:10 - visite: 84) »

:: Emotivamente (Pubblicato il 24/08/2017 08:39:36 - visite: 128) »