Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 244 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 20 03:01:51 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dove siamo rimasti

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/03/2017 14:29:37

Assimilo nel buio la tua luce,
te la offro come cibo,
ripetendo: io-te,
il desiderio di contatto, 
di pulviscolo, uno sguardo,
dove siamo rimasti
senza braccia-
 
Se avessi tolto prima  la cornice 
ti sarebbe apparsa nel perimetro la tela
con il colore originale dello sfondo,
il rosso carapace della cocciniglia,
dove tutto si trasforma e viene fuori
lo splendore della vista, nel ritratto
di ceneri e silenzi, fioriture, 
una stradina verde  per l’anticipo del vento,
l’adagiarsi di ogni lembo, e solo dopo
l'arrivo delle  mani, dappertutto,
il lungo viaggio delle voci
avanzate di ritorno, le scoperte,
gli accostamenti alle pareti, 
le praterie, il tuo volto,
nella stanza dei tesori -
 
gemelli muti con l’addome magro
addormentati sul volume di preghiere.
Appena fuori i nostri corpi
 
la sera è l’abbozzo
di un’ala che cresce,
braccia,
alla luce di domani.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Lei carezzava le piante con il sesso (Pubblicato il 15/10/2017 20:00:49 - visite: 108) »

:: Primo sale (Pubblicato il 07/10/2017 22:11:37 - visite: 133) »

:: L’odore di Adamo (Pubblicato il 05/10/2017 14:09:29 - visite: 141) »

:: Prima degli occhi, a Inniò (Pubblicato il 01/10/2017 16:02:22 - visite: 182) »

:: Il passo amorevole di Alcesti (Pubblicato il 27/09/2017 11:55:02 - visite: 116) »

:: La tua voce apre la porta a tutto ciò che può benedire (Pubblicato il 22/09/2017 10:59:47 - visite: 188) »

:: Nel buio che immacola il respiro (Pubblicato il 17/09/2017 15:13:51 - visite: 114) »

:: Il sonno delle piante (Pubblicato il 12/09/2017 22:44:52 - visite: 154) »

:: Samech (Pubblicato il 10/09/2017 19:57:12 - visite: 111) »

:: In una sola carne (Pubblicato il 09/09/2017 20:30:34 - visite: 124) »

:: Acquafitta (Pubblicato il 07/09/2017 13:27:49 - visite: 162) »

:: Una stanza speciale (Pubblicato il 06/09/2017 13:36:52 - visite: 141) »

:: Il bimbo rosso (Pubblicato il 05/09/2017 11:40:19 - visite: 154) »

:: Stupro ( Lo stupro di e .. ) (Pubblicato il 03/09/2017 23:18:16 - visite: 229) »

:: Nel mondo accanto (Pubblicato il 01/09/2017 20:57:55 - visite: 162) »