Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2018: CHERCHEZ LA FEMME
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 15 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 20 23:31:20 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Vite sfiorate

di Lara Puce
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/08/2018 23:15:22

Mi soffermo a riflettere sulle vite che scorrono, l'una accanto all'altra...
Nessuno mai si chiede cosa accade in quelle persone che ci passano accanto, sconosciute e inconsapevoli; nessuno mai si chiede cosa contiene ognuna di queste vite, a cosa aspirano, di cosa necessitano; persone che hanno i loro pensieri, le loro fobie, le loro gioie personali. Tutte con una particolare dote, tutte con un difetto più o meno evidente; dettagli che formano il loro carattere. Persone che esistono, ci sono, ci sfiorano e delle volte le avvertiamo... ma che troppo spesso ignoriamo. Per volontà o per obbligo, poco conta; siamo talmente circondati dal nostro mondo che il resto è superfluo.
Poi accade che per un banalissimo motivo qualcuna di queste persone attira la nostra attenzione; qualcuno con una mente più aperta, con uno sguardo più attento...
Esattamente come è accaduto a lei...

Ha dovuto faticare il ragazzo per farsi notare, e dopo tanti brevissimi e occasionali incontri, lei neppure ricordava il suo nome.
Però, cavolo, quando lui ha iniziato a farle qualche complimento, non è più riuscita a dimenticare quello sguardo...
È stato bravo il ragazzo, ha saputo usare le giuste parole, ha trasformato i complimenti in dolci lusinghe, e... beh, quale donna resisterebbe al fascino di un dolce seduttore dalla erre moscia...
Lei sa, sa che non è facile starle appresso; uno dei difetti di una mente che pensa troppo.
Scoprirà poi, la ragazza, che il suo difetto è la chiave del suo fascino.
Ma si dimostra una persona paziente lui, la asseconda e la stimola, accendendo il suo carattere passionale.
E lei si arrabbia, s'infervora. Con lui e con sé stessa. Si odia persino, ma cede...
Cede alle sue parole affascinanti e carezzevoli; decide di lasciarsi sedurre da mani dolci e gentili...
Si vedono i due, si cercano e puntualmente si trovano. La seduzione diventa passione, il desiderio si trasforma in bisogno. Vivono di sensazioni, e ben poche parole sono ammesse; gli sguardi compongono melodie dalle quali è semplice comprendere il significato.
Ma ogni inizio ha una fine.
La volontà viene sopraffatta dal dovere, e il bisogno è una ricerca di quiete.

Ecco, due vite scorrevano ignorando la loro reciproca esistenza; ma qualcuno ha deciso il loro intersecarsi, fondendo in un'unica volontà due desideri sopiti. Seppur solo per breve tempo.
Il ritorno alla quotidianità è uno schiaffo che pone solo più domande... cosa resta di quell'incontro? Vite così diverse e lontane si sono incontrate e scontrate, lasciando inevitabilmente una traccia...
Incontri passati e futuri; tutto nelle loro vite ha comportato e comporterà ulteriori cambiamenti... ma loro, per entrambi, cosa sono stati?
Gli sguardi esprimono, ma solo le parole raccontano.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lara Puce, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Crisalide (Pubblicato il 10/06/2018 21:46:11 - visite: 60) »

:: Piccoli grandi mostri: xylella (Pubblicato il 30/01/2018 22:38:04 - visite: 143) »

:: Quell’unico splendido attimo (Pubblicato il 19/01/2018 21:25:50 - visite: 105) »

:: Castelli di carte (Pubblicato il 07/01/2018 20:42:40 - visite: 102) »

:: ...o per tutta la vita (Pubblicato il 28/12/2017 15:29:07 - visite: 93) »

:: I sassi della strada vecchia di Trezza (Pubblicato il 15/10/2017 20:58:34 - visite: 128) »