Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 403 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 11 12:43:36 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il soffio

di Franca Figliolini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/05/2017 18:40:56

            Di tutto il tempo, proprio questo sembra essere

il tempo del grande respiro: quando la balena

affiora e soffia l'enormità del suo essere

metà umana e metà pesce. Altro che magnifiche

sirene sinuose: è in lei che si ritrova l'ambiguità

del senso.

 

            Il getto è così forte che solleverebbe un mondo,

se ci fosse un mondo intorno e non  solo mare,

un deserto liquido di solitudine e irrequietezza d'onde

che si scansa per farle posto in ossequio al regime archimedeo.

Non c'è nessuno a chiederle come viva, o dove cerchi

l'amore.

 

            Chi l'ha osservata, ha distolto lo sguardo, e

chi l'ha cercata, lo ha fatto per ucciderla. Di questo,

siatene consapevoli voi, perché lei, lei non è consapevole

di nulla.

 

            Il suo cervello, per quanto enorme, non è che un piccolo

grumo nel corpo gigantesco: una ciste, un pedicello.

Lei sa solo  che a un certo punto occorre respirare e poi,

inabissarsi ancora.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Figliolini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ho fatto finta, insomma (Pubblicato il 12/02/2019 19:23:24 - visite: 36) »

:: Né chiedi (Pubblicato il 12/02/2019 19:20:35 - visite: 58) »

:: Nucleo di fuoco (Pubblicato il 05/02/2019 19:46:23 - visite: 54) »

:: Ignara me (Pubblicato il 02/02/2019 12:20:45 - visite: 80) »

:: Precipitato (Pubblicato il 30/01/2019 09:23:29 - visite: 53) »

:: Con la dovuta fatica (Pubblicato il 21/01/2019 16:53:52 - visite: 84) »

:: Economia circolare (Pubblicato il 18/01/2019 19:13:38 - visite: 135) »

:: Little poor thing (Pubblicato il 03/01/2019 20:46:51 - visite: 59) »

:: Tigri (Pubblicato il 30/12/2018 15:35:32 - visite: 75) »

:: metafisica (Pubblicato il 16/11/2018 22:37:05 - visite: 120) »