Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Giocasta ed Antigone

di Valter Casagrande
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/06/2017 12:15:22

Antigone e sua madre Giocasta. sono personaggi della tragedia greca. Antigone era figlia dell'inconsapevole rapporto incestuoso tra Edipo, re di Tebe e Giocasta, sua madre.                         La storia di Antigone inizia quando Edipo va in esilio. Infatti quando Edipo si rese conto del misfatto che aveva compiuto e cioè di avere ucciso il padre e avere sposato la madre Giocasta, si accecò e, scacciato da Tebe, peregrinò per tutta l'Attica accompagnato dalle figlie Antigone e Ismene.                                                                                                                                               Quando giunse presso il bosco sacro alle Eumenidi, nel quale era vietato l'ingresso ai profani, egli decise di entrarvi e perciò le Eumenidi stesse, irate, fecero strazio del suo corpo.                                    Antigone, diventata nel frattempo una fortissima ed indomabile guerriera, a questo punto decise di ritornare a Tebe, ove era appena iniziata la guerra dei Sette contro la città, causata da discordie fra i suoi fratelli che vicendevolmente si erano uccisi.                                                                       Quando vi giunse Creonte, il nuovo re di Tebe, fratello di Giocasta, emanò un bando che proibì la sepoltura di Polinice, uno dei due fratelli di Antigone, lasciando il suo corpo giacente in pasto ai cani.                                                                                                                                                  Antigone, disobbedendo agli ordini di Creonte, seppellì degnamente suo fratello Polinice - traditore della patria.                                                                                                                                                        Antigone, scoperta, viene condannata dal re a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta.                                                                                                                                                        In seguito alle profezie dell'indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma troppo tardi, perché Antigone nel frattempo si è suicidata impiccandosi e seguendo così la stessa sorte di sua madre.. 

 

 

 

                       

                        DIALOGO DI GIOCASTA ED ANTIGONE  I

 

                                         GIOCASTA

 

 

Mi chiami a te,

da questa cella

umida e buia,

per esserti

a fianco,

almeno una volta,

nel momento supremo,

nella decisione

finale

su ciò che sia

giusto

e più lieve.

 

Mi invochi,

stavolta,

con un cuore

che trasuda

d’affetto

ed io,

trasparente e incorporea,

lasciando

gli oscuri paesaggi,

vengo da te

senza nessuna esitazione.

 

Antigone,

figlia bella

e tenace,

tu vuoi sapere,

da chi

ha già preceduto

il tuo passo,

se attendere

inerte

che si compia

una sorte,

o anticipare

la mano

di chi

deve dar corso

ad una ingiusta

condanna.

 

Ma questo

non è

il solo motivo

del dolce richiamo,

quello che,

pur senza ammetterlo,

tu vuoi da me

sono le motivazioni

nascoste

e le ragioni

più chiare

di un rapporto

mancato.

 

Ora ti posso

spiegare,

mi posso

spiegare,

la lontananza

voluta

e la distanza

istintiva

che mi scioglieva

da te

oltre la spiegazione,

più semplice,

della invalicabile

differenza

degli anni.

 

Una voce interiore,

forse figlia

della vergogna,

alzava un muro

fra noi

e disgregava

i fili

di un affetto

che non poteva

essere

solo materno.

 

Adesso lo sai

anche tu

 e con un piccolo

sforzo

puoi anche capire,

giustificare,

una madre

che non doveva

esserlo

nei tuoi confronti.

 

Ti ho lasciata

da sola

a crescere

ma questo

era scritto

da chi ha generato

la nostra vicenda

e, forse,

era giusto

per non peggiorare

quello che era

già scellerato.

 

La mia lontananza

ti ha cresciuto

forte

e determinata,

io ti ho dato

soltanto

la mia bellezza,

per quanto potevo

per quanto

era lecito

fare.

 

Poi la tua vita

indipendente,

sciolta

da ogni legame,

ti ha visto

possente

ed eroica

ma indifferente

al dolore,

bella e armoniosa

ma gelida

nel profondo

degli occhi.

 

Ti ho ritrovata

soltanto,

quando scrutando

dal buio,

ho percepito

il tuo cambiamento

che accompagnava

per mano

quell’uomo,

cieco

e ormai vecchio

che, padre

nonno e fratello,

ha risvegliato

la tua umanità.

 

Quell’uomo

al quale

un doppio legame,

regalo del dio

più perverso,

mi ha avvinto

ed al quale,

insieme,

ho donato

l’affetto dovuto

e quello negato.

 

Il tuo percorso

ti rende

completa,

adesso,

purtroppo

alla fine dei giorni,

ed anche

invincibile

perché, anche in futuro,

nessun giudice

potrà mai

condannare

Antigone

per aver infranto

le leggi

più ingiuste.

 

Allora decidi

da sola

la sorte,

segui il tuo istinto,

le tue convinzioni

sapendo

che ogni morte,

comunque pervenga,

è sempre la stessa,

e che io,

che ti ho dato

due volte

la vita,

attendo il tuo arrivo,

da questa parte

del mondo,

per ricominciare.

 

                            DIALOGO DI GIOCASTA ED ANTIGONE  II

 

                                                  ANTIGONE

 

 

Il buio,

umido e silenzioso,

di una stanza

imprigionata nel nulla

è rischiarato,

improvvisamente,

da una luce

tenue ed azzurra,

da una fiammella

ondeggiante

dalla figura

nota e desiderata.

 

Giungi a me,

richiamata

da un grido

finale,

attraverso

un percorso

vietato,

agli altri sbarrato,

madre lontana

nella vita

e nella morte

quasi dimenticata

ma, in questo momento,

presente.

 

Tu che hai già

percorso il cammino

dammi la luce,

rivelami

cosa si sente

alla fine

di tutte le cose

perché io,

Antigone,

possa decidere

quello che sia,

per me,

più sopportabile.

 

Attendere il giorno

che viene

 e la mano

assassina,

a questo

già preparata,

o togliere

la soddisfazione

e l’ironico riso

di chi comanda

e dispone

la morte più ingiusta,

anticipando

gli eventi.

 

Arrivo

ai consuntivi finali

senza sapere

le cose più vere

che legano

una madre

a sua figlia,

senza capire

i motivi

che ti hanno tenuta

lontana,

in un distacco

affettivo

che ha segnato,

in modo indelebile,

l’indole

e la mia sorte.

 

Tu, che mi hai generato

due volte,

due volte

mi hai abbandonata,

ma la vergogna,

in cui

ti sei ritorta

nell’animo,

non basta

a giustificare

l’assenza.

 

Questi occhi

di ghiaccio

e la freddezza

del cuore

sono le sole cose

che hai costruito

in un germoglio

in sviluppo,

nel tenero ramo

che esplora,

in primavera,

la vitalità

potenziale.

 

La forza

mi viene

da questo,

da tutte le volte

che ho dovuto

affrontare

gli eventi

da sola,

senza il conforto

e la vicinanza

di una mano

affettuosa

di un seno materno.

 

Ho vinto

molte battaglie

dimenticando

che cosa sia

la pietà,

ho avuto

schiere

di pretendenti

stregati e conquistati

dalle fattezze,

ma solo davanti

alla figura

di un vecchio,

cieco e insicuro,

tuo figlio

e marito,

ho recuperato

la strada.

 

Ed il cammino

era quello

di non accettare

ingiustizie

o disumane

imposizioni

nemmeno quando

un corpo fraterno,

inanimato,

dovesse restare

senza

la sua sepoltura.

 

Condannami, giudice,

ma la condanna

sarà la tua

eterna

maledizione,

la macchia indelebile

che per i secoli,

ancora a venire,

agiterà

i tuoi sogni

più inquieti.

 

Ma ora sei qui,

madre incorporea,

e dimmi

che cosa sia giusto

in questo momento,

dammi la mano,

la spalla,

il tuo cuore,

a lungo cercato,

per rendere lieve

il ricongiungermi

a te.

 

Ma anche se so

che tu

affiderai la mia scelta

a me stessa,

voglio soltanto

che tu

sia con me,

nel momento fatale,

per potermi riprendere

e recuperare,

in un attimo

solo,

la vita  passata,

la storia

che tu

mi hai concesso

soltanto alla fine. 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Valter Casagrande, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: trilogia di bellerofonte (Pubblicato il 01/05/2017 09:46:22 - visite: 62) »

:: Due angeli (Pubblicato il 22/07/2016 14:33:35 - visite: 283) »

:: Un alito di vento (Pubblicato il 16/04/2016 11:42:34 - visite: 323) »

:: Tempo (Pubblicato il 12/02/2016 11:31:50 - visite: 306) »

:: Il viaggio (Pubblicato il 30/01/2016 17:24:00 - visite: 316) »

:: Il vecchio mercato (Pubblicato il 17/01/2016 18:31:55 - visite: 319) »

:: Amo la sera (Pubblicato il 24/12/2015 15:14:12 - visite: 288) »

:: Paesaggio (Pubblicato il 28/11/2015 15:43:50 - visite: 322) »

:: Il messaggio (Pubblicato il 09/11/2015 10:40:13 - visite: 356) »

:: Due passi nel nulla (Pubblicato il 26/10/2015 12:59:33 - visite: 419) »

:: Le penombre della sera (Pubblicato il 10/10/2015 17:44:18 - visite: 394) »

:: Mistero (Pubblicato il 03/10/2015 11:00:22 - visite: 390) »

:: La clessidra (Pubblicato il 26/09/2015 09:22:55 - visite: 432) »

:: L’odore del pane (Pubblicato il 06/09/2015 09:38:39 - visite: 634) »

:: Sul limitare del bosco (Pubblicato il 30/08/2015 17:22:23 - visite: 463) »

:: Nebbia (Pubblicato il 24/08/2015 08:42:30 - visite: 408) »

:: Rinasce il mondo dei sogni (Pubblicato il 18/08/2015 09:11:39 - visite: 443) »

:: Addio madre Terra (Pubblicato il 12/08/2015 08:57:25 - visite: 406) »

:: Il cantico della tristezza (Pubblicato il 06/08/2015 17:23:07 - visite: 416) »

:: L’esercito delle scimmie (Pubblicato il 25/07/2015 11:34:17 - visite: 473) »

:: Il buio oltre il silenzio (Pubblicato il 20/07/2015 12:38:17 - visite: 411) »

:: Il sole verso la notte (Pubblicato il 07/07/2015 08:47:12 - visite: 374) »

:: Ricordo (Pubblicato il 02/07/2015 09:01:25 - visite: 431) »

:: Nessuno tocchi Tersite (Pubblicato il 29/06/2015 16:43:11 - visite: 449) »

:: Censura - haiku (Pubblicato il 26/06/2015 12:10:48 - visite: 291) »

:: Notturno (Pubblicato il 22/06/2015 14:38:56 - visite: 372) »

:: La marionetta impazzita (Pubblicato il 19/06/2015 16:43:37 - visite: 399) »

:: Gli occhi dell’amore (Pubblicato il 15/06/2015 10:45:40 - visite: 509) »

:: Risvegli (Pubblicato il 14/06/2015 09:46:49 - visite: 313) »

:: Il salto nel buio (Pubblicato il 12/06/2015 08:19:56 - visite: 486) »

:: Nuvole e sogni (Pubblicato il 09/06/2015 10:27:36 - visite: 365) »

:: Vieni con me (Pubblicato il 06/06/2015 16:58:30 - visite: 524) »

:: Vento (Pubblicato il 04/06/2015 16:08:43 - visite: 315) »

:: Illusione-haiku (Pubblicato il 29/05/2015 10:15:21 - visite: 343) »

:: Il naufrago (Pubblicato il 26/05/2015 20:06:25 - visite: 469) »

:: Orizzonte (Pubblicato il 22/05/2015 17:08:49 - visite: 342) »

:: Un insolito ritorno ( buon compleanno professore) (Pubblicato il 21/05/2015 17:30:15 - visite: 393) »

:: Insonnia (Pubblicato il 19/05/2015 16:51:51 - visite: 419) »

:: Metamorfosi (Pubblicato il 17/05/2015 18:42:17 - visite: 385) »

:: La vita in cinque colori (Pubblicato il 14/05/2015 13:31:14 - visite: 370) »

:: Mondi lontani (Pubblicato il 12/05/2015 08:52:35 - visite: 593) »

:: Il filo (Pubblicato il 05/05/2015 17:17:28 - visite: 457) »

:: Infinita armonia (Pubblicato il 02/05/2015 09:41:09 - visite: 371) »

:: Il mio verso libero (Pubblicato il 30/04/2015 10:22:48 - visite: 534) »

:: Saggezza - Haiku (Pubblicato il 28/04/2015 12:46:51 - visite: 338) »

:: Roma (Pubblicato il 21/04/2015 15:26:23 - visite: 296) »

:: Le tue labbra (Pubblicato il 19/04/2015 18:14:44 - visite: 444) »

:: Sguardo (Pubblicato il 16/04/2015 15:01:36 - visite: 378) »

:: Fotografia di una lacrima (Pubblicato il 12/04/2015 23:22:43 - visite: 393) »

:: Le ali dagli occhi leggeri (Pubblicato il 10/04/2015 10:29:50 - visite: 503) »

:: La grande illusione (Pubblicato il 07/04/2015 12:15:19 - visite: 440) »

:: Il sole verso la notte (Pubblicato il 05/04/2015 11:59:49 - visite: 476) »

:: Il posto dell’arcobaleno (Pubblicato il 02/04/2015 14:54:43 - visite: 507) »

:: Sera (Pubblicato il 31/03/2015 10:45:55 - visite: 454) »

:: Il cane malato (Pubblicato il 28/03/2015 17:51:02 - visite: 491) »

:: La forza del vuoto (Pubblicato il 20/03/2015 10:58:59 - visite: 637) »

:: I tuoi occhi ( oltre la vita) (Pubblicato il 04/03/2015 14:32:26 - visite: 469) »

:: Omaggio a Fabrizio De Andrè ( buon compleanno) (Pubblicato il 18/02/2015 17:15:46 - visite: 697) »

:: I mesi della vita (Pubblicato il 11/02/2015 14:22:51 - visite: 484) »

:: ’A commare secca ( vernacolo romanesco) (Pubblicato il 05/02/2015 14:58:02 - visite: 423) »

:: La solitudine (Pubblicato il 02/02/2015 14:46:15 - visite: 491) »

:: Shambala (Pubblicato il 31/01/2015 20:00:42 - visite: 494) »

:: I giorni più freddi (Pubblicato il 30/01/2015 10:46:35 - visite: 403) »

:: Un mondo lontano (Pubblicato il 28/01/2015 16:40:17 - visite: 525) »

:: L’ispirazione (Pubblicato il 27/01/2015 14:39:14 - visite: 457) »

:: Sogno (Pubblicato il 14/01/2015 10:20:36 - visite: 493) »

:: L’ultimo giorno (Pubblicato il 31/12/2014 12:46:37 - visite: 307) »

:: Il giorno più corto ( solstizio d’inverno) (Pubblicato il 21/12/2014 16:03:33 - visite: 513) »

:: Elogio del silenzio (Pubblicato il 29/11/2014 10:32:41 - visite: 469) »

:: La forza del verso (Pubblicato il 28/11/2014 09:51:41 - visite: 490) »

:: Tempesta (Pubblicato il 26/11/2014 14:36:19 - visite: 344) »

:: Alba sul mare (Pubblicato il 25/11/2014 16:28:35 - visite: 356) »

:: Che fine ha fatto Maiorana (Pubblicato il 24/11/2014 16:11:07 - visite: 563) »

:: Ode alla notte (Pubblicato il 17/11/2014 16:48:05 - visite: 459) »

:: La mongolfiera (Pubblicato il 06/11/2014 14:47:07 - visite: 552) »

:: elogio del nulla (Pubblicato il 04/11/2014 10:15:38 - visite: 715) »

:: L’acuto finale (Pubblicato il 02/11/2014 15:15:26 - visite: 536) »

:: La margherita (Pubblicato il 16/01/2014 09:23:13 - visite: 856) »

:: fantasia (Pubblicato il 30/05/2013 14:57:22 - visite: 829) »

:: il promontorio del lungo silenzio (Pubblicato il 30/05/2013 08:53:52 - visite: 922) »

:: il navigante del plenilunio#poesiapoeti (Pubblicato il 29/05/2013 17:03:27 - visite: 1003) »