Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 154 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 23 12:48:54 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dream, my little girl

di Franco Bonvini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/06/2017 01:31:32

Non sarà sempre così

tu ti alzi sulle incerte gambe e ti lanci

io apro le braccia e ti prendo.

Non deve essere sempre così

ogni volta un po' più lontano,

questo è il gioco

e qualche caduta è da mettere in conto,

niente paura,

così quando sarò troppo lontano andrai sicura su gambe forti.

 

E sogna,

sogna sempre braccia altrettanto sicure come approdo.

Poi,

con le tue gambe forti,

portami al lago quando vuoi,

quello dove ti porterò a sentire il suono che fanno le onde sulla riva

o quello della breva tra le foglie degli alberi

così che tu possa riconoscerlo passando,

perchè ogni albero ha la sua voce,

e li ritrovare quelle braccia sicure come un rifugio.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Franco Bonvini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Altrove (Pubblicato il 22/11/2017 22:29:21 - visite: 37) »

:: Inciampato in un dolore (Pubblicato il 22/11/2017 20:56:34 - visite: 44) »

:: Lune gemelle (Pubblicato il 21/11/2017 22:02:58 - visite: 39) »

:: Della morte (Pubblicato il 21/11/2017 21:22:27 - visite: 29) »

:: Liberi i pensieri (Pubblicato il 19/11/2017 13:58:29 - visite: 61) »

:: Questa non è una chitarra (Pubblicato il 15/11/2017 14:36:46 - visite: 72) »

:: Consistenza (Pubblicato il 13/11/2017 18:23:54 - visite: 55) »

:: Sono qui (Pubblicato il 13/11/2017 11:26:39 - visite: 53) »

:: No name (Pubblicato il 10/11/2017 16:02:29 - visite: 83) »

:: Era solo un sogno (Pubblicato il 01/11/2017 10:56:27 - visite: 97) »

:: Scivoloso abisso (Pubblicato il 31/10/2017 17:58:00 - visite: 70) »

:: Sospesa (Pubblicato il 30/10/2017 09:21:06 - visite: 111) »

:: Vuoto (Pubblicato il 29/10/2017 17:10:15 - visite: 79) »

:: Eterna vie en rose (Pubblicato il 26/10/2017 09:25:16 - visite: 107) »

:: Giorgio, riproposta (definitiva) (Pubblicato il 17/10/2017 21:49:11 - visite: 98) »