Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 132 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 9 22:12:26 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Panoramiche gneralità

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/07/2017 01:58:03

Il coraggio di mostrarsi vulnerabili è un perfetto indolente

conti gli attimi dall' inizio dei tempi e ancora niente

non ti tornano i conti con tutto il tempo che scorre

eppure più veloci della luce vanno

certi pensieri fotonici, certi sogni preistorici

di vite ancora tutte da trascorrere.

Torneremo un giorno ad essere quella gioia che una volta

ci vide nascere per dare un senso a tutto.

La prova inconfutabile dell' esistenza di dio

gli varrà un premio Nobel e tutti saranno d' accordo

sul campo su cui investire.

Poi morire e poi morire e poi morire

per rinascere più forti, più vicini alla morte

agli amici di sempre che un giorno 

saranno istinti proibiti.

-Ma dammi la vita, rendimi eterno

almeno per il tempo di un ritorno

a immacolata concezione.

Ti chiedo perdono se per come sono

non ti rendo orgoglioso.

Il talento che ebbi in dono

è di dormire a comando e sognare per loro.

Disse il mio doppio autoritario, mentre io scattavo le foto in ritardo.

La gioia ambita ma col timore di non esserne all' altezza

è come una festa che nz' arguard.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Dalle doglie (Pubblicato il 16/02/2018 23:37:19 - visite: 34) »

:: Nostalgia, nostalgia canaglia (Pubblicato il 03/02/2018 03:11:34 - visite: 81) »

:: Nella latenza (Pubblicato il 01/02/2018 01:50:11 - visite: 69) »

:: Come farla finita (Pubblicato il 29/01/2018 09:01:27 - visite: 68) »

:: In vino caritas (Pubblicato il 27/01/2018 01:22:21 - visite: 69) »

:: La rappresentante di lista (Pubblicato il 16/01/2018 02:30:05 - visite: 80) »

:: Nella balera ubriaco (Pubblicato il 14/01/2018 04:04:12 - visite: 101) »

:: Alla mercé della merce (Pubblicato il 13/01/2018 02:08:50 - visite: 62) »

:: Per corrispondenza (Pubblicato il 10/01/2018 02:12:31 - visite: 55) »

:: Una spiaggia solitaria (Pubblicato il 06/01/2018 03:10:24 - visite: 76) »