Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 56 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 20 14:06:21 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il rito delle fughe

di Maria benedetta cerro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/07/2017 10:30:38

IL RITO DELLE FUGHE

Poi dalla congiura degli opposti
guarì il poeta.
Vide - senza fremito -
avanzare nello specchio del tempo
il passo ancora lieve.
Ma l’occhio tradiva il languore.
Con dignità
- malgrado le ferite -
fissava l’istante da attraversare.
Prive di senso le ragioni
ma realizzò la morte nel supplizio
del respiro
che più non sapeva d’infinito.



Non trasalire - mia estranea -
Non diversa è la spina del canto.
Ciò che pensi da tempo in me si versa.
Strali sono le parole
ed hanno la mia inermità
ferito a morte.


Irreprensibile è la consuetudine
- ecco il giorno mi divora -
Non ancora è tempo: dormono le viole
con le piccole bocche ancora chiuse.
Non stringere troppo le ciglia
lascia un piccolo varco
se l’anima volesse un poco uscire.
Perché “Io me ne vado
come l’ombra quando s’allunga”.



Ospiti mai stanchi delle insonni attese
- prodighi di segreti tradimenti -
non mi portaste fra le braccia
oltre le soglie dei conviti.
Non diceste parole
che avrei gradito udire
né tratteneste a lungo la mano nel saluto.
Con tale indifferenza mi lasciaste andare.
Eppure vi aspetto
- non vi stupite -
Ancora.




Dove vuoi che vada?
Prima che ti dica “andiamo”
mi chiedi dove andrò.
Sulle torri regali attenderò la Musa.
Avrò monili e vesti
di nobile fattura.
A lei la mano già nel vuoto
pendula e amica.
A lei sola perdono le fughe immemori.
Unica - lei - erede del ritorno.



Se non fossi del tempo la ritrosa gemma
potrei nelle tue ubiquità
stabilire tragitti
moltiplicare mutamenti
che tanto inquietano il rito delle fughe.
Ma cosa insegui?
La tua smodata febbre vede più grande
il rischio d’assoluto.



Quale destinazione aveva il tuo sorriso
caduto in questo presagio di spavento.
Ho pregato
- non so se abbastanza -
perché potesse l’Eternità degnarsi
di volgere a me la sua pudica luce.
Tre volte ogni sera
ho contato le perle dei misteri.



Io non saprò per quali vie
mi giungerà la vostra voce
ma so dove l’aspetto.
Ogni impaurito palpito ne annuncia l’evento.



E venne
mentre i gigli dalle schiuse braccia
guardavano la pioggia risalire agli occhi.
Parole - mi disse - inadatte e scialbe.
Io sognavo follemente
che al vedermi sorgessero dai rovi
repentine rose.



Quale dispetto hai creduto di farmi?
Io di te mi rallegro.
Non guardarmi attraverso il tuo precario slancio.
Non è marginale la conquista.



Da quale parte stai?
Dovrei guardare dov’è sorta questa luna smisurata.
Ma non è questo che intendi.
Non il luogo
né la temporalità
danno il senso alla sfida.
Dunque l’altitudine sovrasta il volo
ed è indefinibile la vertigine.
Sto dov’è lecito chiedersi che sia
il viola mortifero
di un viso dopo il pianto.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Maria benedetta cerro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sul Fronte Della Resa (Pubblicato il 26/05/2017 23:18:44 - visite: 179) »

:: Dimora del ballo superstite (Pubblicato il 15/05/2017 23:43:12 - visite: 145) »

:: Dimora delle banderuole (Pubblicato il 07/05/2017 23:16:20 - visite: 186) »

:: Dimora delle spade (Pubblicato il 05/05/2017 08:34:15 - visite: 146) »

:: Dimora delle altezze (Pubblicato il 01/05/2017 08:49:21 - visite: 125) »

:: Riccardo Scrivano presenta (Pubblicato il 27/04/2017 10:53:12 - visite: 109) »

:: Dimora della folle insonnia (Pubblicato il 25/04/2017 23:25:18 - visite: 115) »

:: Alcune poesie da (la congiura degli opposti) (Pubblicato il 18/04/2017 14:21:47 - visite: 149) »

:: trilogia del nome (Pubblicato il 18/04/2017 12:58:26 - visite: 93) »

:: Trilogia dell’anello (Pubblicato il 18/04/2017 12:48:52 - visite: 102) »

:: estratto regalità 2 (Pubblicato il 18/10/2012 07:18:57 - visite: 656) »