Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
25 APRILE: ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D'ITALIA
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 142 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 14 00:14:07 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I Nodi del Passato

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/07/2017 09:54:43

I Nodi del Passato

 

Cosa cerco se non benessere per noi

In un tramonto sul lago che sembra non finire mai

Guardando i cigni piccoli diventare adulti

Mentre muta il colore del loro vestito

E’ davvero un’avventura il tempo che sto vivendo

Assieme a te

Vorrei tanto ricomporre il colore della tua anima

Scrivo questa notte

Senza bavaglio e probabilmente, ma spero di no

Fuori tempo

Mentre ti invito nella mia grotta di sale

In questo momento di sconforto su noi

Supponiamo per un momento di essere guariti

Entrambi dai nostri profondi mali

E supponiamo che di nuovo la nostra vita salga

Senza sale d’attesa per un bacio od un abbraccio

E supponiamo di vestirci di nuovo

Come per occasioni inedite per sorgere di nuovo

Utopia forse immaginarlo adesso

Supponi l’incredibile, ripartire.

In qualche modo ci apparteniamo ancora

Come il tramonto appartiene al lago

Per ritrovarsi al mattino

Insieme, di nuovo.

Toccami, e sentirai suonare ancora le campane

Canto al tuo dolore, per cambiarlo come per magia

Aiutami, Signore a scioglierle i nodi del passato.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il Tuo Vino (Pubblicato il 23/04/2018 14:49:19 - visite: 34) »

:: Nell’onda di un albero (Pubblicato il 09/04/2018 08:55:05 - visite: 54) »

:: Foglie nuove (Pubblicato il 03/04/2018 11:32:06 - visite: 55) »

:: Quando c’erano le anguille (Pubblicato il 27/03/2018 10:05:46 - visite: 63) »

:: Il Rabarbaro (Pubblicato il 23/03/2018 14:27:25 - visite: 74) »

:: Gli Eroidi (Pubblicato il 22/03/2018 12:07:26 - visite: 67) »

:: Il Corvo (Pubblicato il 15/03/2018 09:46:55 - visite: 79) »

:: Cuando todo calla (Pubblicato il 13/03/2018 16:25:08 - visite: 93) »

:: E ti desti all’improvviso (Pubblicato il 01/03/2018 09:40:54 - visite: 96) »

:: Va pensiero (Pubblicato il 23/02/2018 14:06:13 - visite: 78) »