Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST 10/07/2018: CHERCHEZ LA FEMME | festeggia: #cherchezlafemme
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 106 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 13 09:02:33 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non riconosco ancora il mio profilo...

di Alberto Rizzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/08/2017 23:38:06

Non riconosco ancora il mio profilo

in questi luoghi incontrati già più volte

 

passeggio incerto

lungo il profumo sopito delle strade

e tra la dolce bellezza color seppia

delle foto di un vecchio cimitero

nel quale i marmi s’incatenano al tramonto

 

La rabbia copre questa sera

e sogno la tua bocca che viva dell’ebbrezza

delle ultime foglie del Giardino Consacrato

 

È il mio basso universo che ti chiama

 

un vortice oscuro

                 sereno

trapunto di cicatrici di pugnale

 

son fatto di polvere di cielo

                               di alberi

 

con loro parlo

                      come loro il pianto tengo dentro

in un silenzio ombroso

sulle sponde ammuffite della mediocrità

che mente vi sopprime

 

- - - - -

 

Poi non ricordo nulla

 

di nuovo tutto è sfumato dal sorriso degli amici

 

è di nuovo passeggio per questi portici

divisi da spicchi di sole

e senza più badare alla gente

                              alle vetrine sempre uguali

 

Le passioni cambiano d’intensità

                                                  ma restano

ed io mi guardo

                        soddisfatto dei miei pochi successi

 

Grandi voli di labbra amaranto

e le spighe cadute al suolo

                                        a fecondarne il fango

 

Tutti a fissare il cielo occhisgranàti

come in maschere di clown

e la lacrima che si scava traccia

viagiù per la cipria gialla

 

il sorriso d’Arlecchino è scomparso dalle campagne

                                                                               ma come un faro

nella notte gioca a nascondino

                                               a volte

provocando ansia

                           suscitando scommesse

 

Le ruote dei carri seguono solchi tracciati da sempre

ed incitano la punta delle mie ali

                                                  con grida rauche

a tener loro dietro

                            ritto sul ponte di una nave

sommersa dal maestrale 

                                     vegliato dai chiari occhi del gufo

 

Non mi perderò dietro a fantasmi

                          dietro a te

 

passerai sotto questi occhi

e ti fisserò come svagato

 

sarò lontano

                   a bere il vento dal cavo di miamàno

 

 

(tratta dalla raccolta autopubblicata "In ombra"

come apparsa in "Opera Omnia Poetica - Vol. I")


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Rizzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sapessi le speranze disattese... (Pubblicato il 05/07/2018 21:18:09 - visite: 27) »

:: Ho infine con me... (Pubblicato il 26/06/2018 09:49:23 - visite: 44) »

:: Insegna a tua figlia... (Pubblicato il 08/06/2018 16:05:16 - visite: 48) »

:: Mercuriale (Pubblicato il 06/06/2018 13:47:55 - visite: 60) »

:: Dopo Nassirya (Pubblicato il 28/05/2018 22:59:08 - visite: 66) »

:: Quello che rimane (Pubblicato il 05/04/2018 20:32:02 - visite: 87) »

:: Una tela di ragno... (Pubblicato il 27/03/2018 11:57:08 - visite: 91) »

:: La citta nella notte nella stanza... (Pubblicato il 24/03/2018 09:38:44 - visite: 99) »

:: Permette nuova vista questo viaggio... (Pubblicato il 17/09/2017 22:34:20 - visite: 148) »

:: Non v’è altra strada... (Pubblicato il 30/08/2017 15:55:41 - visite: 143) »