Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018) | risultati
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 157 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 24 23:54:38 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’albero dei morti

di Salvatore Pizzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/09/2017 19:19:23

Luna

luna bella

dove mi porti tu

colombella?

La cenere nell'urna

scaldando, al mese

risorgi; del bilancio

ignorando i saldi

nel mondo degenere

torni piena su moncherino

a stazionarci.

Eppure sai ch'è di poco conto

l'albero dei morti: morenti

stillano sudore estremo

dal vivere, su per la schiena

alla nuca: fluviale clamore

di voci fino alla vastità

delle tempie, depauperata

intelligenza

... Che prenderci dalle parole

cosa vuoi che ci prenda?

Le chiacchiere scorrono in gola

fanno male e sanno di fiele

come una birra di poco prezzo

o una pizza di poco prezzo

che, se ogni cosa ha un prezzo

ben poca ha da esere quello

umano. Un'altra cosa alla buona

forse l'ultima, me l'hai

insegnata: è per la testa

che ci se ne vien fuori

... Ora che t'allontani algida

luna

luna bella

dove vai tu

colombella: perchè

tanto strepito, rantolo

soffocato

dal fondo dell'abbraccio

già che brilli infine appena fuori

dal cranio?


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Pizzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Solletici (Pubblicato il 24/06/2018 12:29:44 - visite: 33) »

:: Autoasfissiandosi (Pubblicato il 17/06/2018 11:58:23 - visite: 75) »

:: Sogno è (Pubblicato il 10/06/2018 13:32:26 - visite: 70) »

:: Presagi*** (Pubblicato il 06/06/2018 18:49:33 - visite: 183) »

:: Canone per verso (Pubblicato il 03/06/2018 01:04:20 - visite: 85) »

:: Sibilo*** (Pubblicato il 25/05/2018 15:17:18 - visite: 106) »

:: Follia (Pubblicato il 20/05/2018 22:27:30 - visite: 87) »

:: Di maggio (Pubblicato il 13/05/2018 23:34:24 - visite: 82) »

:: Luciferina (Pubblicato il 06/05/2018 22:19:53 - visite: 102) »

:: Unta traccia di maggio (Pubblicato il 02/05/2018 03:21:51 - visite: 137) »