Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 157 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 18 18:06:12 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il Melograno Agados

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/10/2017 10:07:46

Il Melograno Agados

 

E’ un opinione e non un fatto quello che sentiamo oggi

Che cominciano i giorni del miele

Ma non sono per noi

Confido ancora nella magia dall’imparare la pazienza

Nell’attesa della stagione di mezzo

Che ci offre tutto il suo caldo splendore

Senza fretta di analizzare

Pensieri che si rincorrono come onde

Davanti alla scogliera inaccessibile

Del tuo amore

A questo penso stamattina

Mentre comincia a spegnersi l’energia del mondo

Che a poco a poco

S’inoltra nel capricorno

Verso il solstizio d’inverno .

Tutto decade per tornare alla terra

Compresa la nostra energia che si affievolisce

Mi piacerebbe che il rumore dell’onda

Sovrastasse quello dei tuoi pensieri

Essere io quell’onda

Il presente è il tuo potere

E come un cristallo scompone la luce

Così mi sento in cerca d’amore

Sposta desideri ossessivi nell’onda accogliente

Soffia sulle nubi che diventano leggere

Raccogli dal melograno l’antica forza

Inscriviamoci insieme di nuovo

Alla vita


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Duramadre (Pubblicato il 15/12/2017 13:16:49 - visite: 26) »

:: Mississippi Blues (Pubblicato il 13/12/2017 11:52:37 - visite: 43) »

:: Scogliera di Cornovaglia (Pubblicato il 11/12/2017 10:14:21 - visite: 54) »

:: Noi come Migranti d’Amore (Pubblicato il 11/12/2017 09:08:11 - visite: 51) »

:: A mia zia Angelina (Pubblicato il 07/12/2017 09:33:49 - visite: 61) »

:: Rosso di sera (Pubblicato il 06/12/2017 08:58:32 - visite: 52) »

:: Superluna (Pubblicato il 04/12/2017 08:51:37 - visite: 75) »

:: Come la Neve (Pubblicato il 01/12/2017 10:57:27 - visite: 73) »

:: Fiume Mincio (Pubblicato il 10/11/2017 14:10:09 - visite: 82) »

:: Il Tuo Braccio Caldo (Pubblicato il 09/11/2017 13:24:48 - visite: 96) »

:: E l’Aurora Sorge Ancora (Pubblicato il 25/10/2017 14:37:52 - visite: 110) »

:: Indipendenza (Pubblicato il 24/10/2017 15:40:24 - visite: 101) »

:: Risonanze (Pubblicato il 23/10/2017 13:32:36 - visite: 100) »

:: La Bellezza (Pubblicato il 17/10/2017 10:49:54 - visite: 105) »

:: Giallo di Sera (Pubblicato il 16/10/2017 12:25:47 - visite: 134) »