Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 65 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 23 18:14:05 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dietro le porte sprangate

di Giulia Bellucci
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/11/2017 16:40:48

Si muore ogni giorno proprio

vicino alla mia porta.

Si muore per guerre ancora

sotto un kamikaze di lucida follia.

Si muore di fame, sott’un ponte.

Si muore attraversando il mare

inghiottiti dei flutti dall’oblio.

Si muore per un’incurante 

terra che trema rombante.

Si muore anche a Natale.

 

Ma io ho sprangato la mia

porta e non vedo il dolore 

che fuori al freddo grida.

E allora cosa importa?

Qui tra queste mura 

s’inneggia al conclamato successo

e gioventù eterna e onirico sesso.

 

Si muore ma non abbiamo

ancora appeso le cetre

alle fronde dei salici*, non più

perché non vediamo le urla

non sentiamo le tue lacrime

scorrere sul tuo taciturno viso.

 

Eppur oggi già si piange

sotto accecanti riflettori

per un’amara sconfitta

ad una partita di calcio.

Ultima sofferenza che vera 

si riesce a percepire ancora.

 

 

 

* Riferimento alla poesia di Salvatore Quasimodo Alle fronde dei salici.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Giulia Bellucci, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Come rose rubate al sole (Pubblicato il 24/11/2017 14:16:26 - visite: 20) »

:: Notte lunga di dicembre (Pubblicato il 16/11/2017 11:55:53 - visite: 77) »

:: Memoriae (Pubblicato il 02/11/2017 11:34:31 - visite: 64) »

:: Caducità estive (Pubblicato il 28/10/2017 07:47:54 - visite: 101) »

:: L’ombra del virtuale (con il contributo di Klara Rubino) (Pubblicato il 04/10/2017 13:59:09 - visite: 119) »

:: Tosto l’autunno (Pubblicato il 28/09/2017 15:05:08 - visite: 87) »

:: L’inverno dietro le porte (Pubblicato il 22/09/2017 15:10:39 - visite: 80) »

:: Settembre (Pubblicato il 02/09/2017 15:50:51 - visite: 135) »

:: Per i sentieri vuoti (Pubblicato il 28/08/2017 08:11:10 - visite: 77) »

:: Emotivamente (Pubblicato il 24/08/2017 08:39:36 - visite: 121) »

:: Percezione (Pubblicato il 20/07/2017 19:05:22 - visite: 115) »

:: Dolore e Oblio (Pubblicato il 27/04/2017 11:32:14 - visite: 143) »

:: Aprile ( Acrostico) (Pubblicato il 18/04/2017 11:55:04 - visite: 143) »

:: Suonano campane di festa (Pubblicato il 15/04/2017 08:07:08 - visite: 149) »

:: Triste Luna (Pubblicato il 12/04/2017 16:35:53 - visite: 142) »