Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 59 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 16 04:45:06 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A mia zia Angelina

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/12/2017 09:33:49

A mia zia Angelina

 

Mi sarai sempre cara, anche nel ricordo, tra

Innumerevoli goccioline del tempo

Che mi hanno tramandato dell’altro secolo,

Della tua vita con mio nonno, tuo zio,

Che non ho mai incontrato,

Di quando il progresso non c’era

E circolavano solo tre automobili

In questo nostro paese di pianura,

Non c’era ancora la televisione e il frigo

E tu andavi al lago

In bicicletta

Come tutte le tue compagne

Di vita.

Stai li, in quella casetta verde da piu’ di centanni

E ogni volta che ti incontro

Mi sorride la tua melodia e si apre un canto.

Siamo vissuti insieme in questi

Ultimi anni .

Il paese è cresciuto

Un parco nuovo, poesie di seta,

Ti capisco se vuoi chiudere gli occhi

E salutare il mondo.

Sei una colomba bianca

Pronta per volare, per espanderti nell’universo

Freme la terra per accoglierti in pace.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Duramadre (Pubblicato il 15/12/2017 13:16:49 - visite: 26) »

:: Mississippi Blues (Pubblicato il 13/12/2017 11:52:37 - visite: 43) »

:: Scogliera di Cornovaglia (Pubblicato il 11/12/2017 10:14:21 - visite: 53) »

:: Noi come Migranti d’Amore (Pubblicato il 11/12/2017 09:08:11 - visite: 51) »

:: Rosso di sera (Pubblicato il 06/12/2017 08:58:32 - visite: 52) »

:: Superluna (Pubblicato il 04/12/2017 08:51:37 - visite: 74) »

:: Come la Neve (Pubblicato il 01/12/2017 10:57:27 - visite: 73) »

:: Fiume Mincio (Pubblicato il 10/11/2017 14:10:09 - visite: 82) »

:: Il Tuo Braccio Caldo (Pubblicato il 09/11/2017 13:24:48 - visite: 95) »

:: E l’Aurora Sorge Ancora (Pubblicato il 25/10/2017 14:37:52 - visite: 109) »

:: Indipendenza (Pubblicato il 24/10/2017 15:40:24 - visite: 100) »

:: Risonanze (Pubblicato il 23/10/2017 13:32:36 - visite: 100) »

:: La Bellezza (Pubblicato il 17/10/2017 10:49:54 - visite: 105) »

:: Giallo di Sera (Pubblicato il 16/10/2017 12:25:47 - visite: 134) »

:: Il Melograno Agados (Pubblicato il 09/10/2017 10:07:46 - visite: 156) »