Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 24 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 14 18:10:27 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Parole ingrate

di Gaudenzio Massi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 00:36:16

Son parole come pietre

in un dialogo d’estate

seduti in panchina nel giardino

e il mondo che crollava

Io per essere sicuro

di non esserti sbagliata

te lo chiesi un’altra volta

e tu lo riconfermavi

<È farina del mio sacco>

tu sicura mi dicevi!

Ma io come padre 

mica infine ti credevo

Sotto un cielo quasi scuro

ci lasciammo con un abbraccio

ch’era amaro nella notte

...e adesso ancor ti vedo

mi vorresti dir qualcosa

ma ormai non sei più rosa

come sempre io ti ho vissuto

Un segreto ti porti dentro

che ti rode ogni momento

Quanto male hai fatto invano

per un orso assai villano

Quante volte ti ho osservata

mentre dormivi nel lettino

e sognavo sempre d’esserti vicino

Son pieno di immagini rubate 

mentre lieta poi giocavi

e sorridevo anch’io felice

mentre tu non t’accorgevi

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Gaudenzio Massi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Infami (Pubblicato il 11/01/2018 10:59:36 - visite: 34) »

:: Son nel nido (Pubblicato il 31/12/2017 15:12:37 - visite: 43) »

:: Matrioske (Pubblicato il 17/12/2017 19:53:01 - visite: 58) »

:: Brivido infuocato (Pubblicato il 03/12/2017 11:25:12 - visite: 64) »

:: Rosa fior di pesco (Pubblicato il 28/11/2017 19:35:12 - visite: 83) »

:: Stelle latenti (Pubblicato il 28/11/2017 13:31:09 - visite: 58) »

:: Il delfino dentro te (Pubblicato il 26/11/2017 15:35:31 - visite: 65) »

:: Diavolo e Drago (Pubblicato il 24/11/2017 14:09:19 - visite: 57) »

:: Arte in volo (Pubblicato il 21/11/2017 22:06:30 - visite: 79) »

:: Curiosa mente (Pubblicato il 20/11/2017 11:07:45 - visite: 100) »

:: Ad occhi chiusi (Pubblicato il 20/11/2017 00:19:50 - visite: 67) »

:: Onda incanto (Pubblicato il 19/11/2017 13:32:13 - visite: 64) »

:: Mela al veleno (Pubblicato il 18/11/2017 23:09:07 - visite: 82) »

:: Spuma di mare (Pubblicato il 14/11/2017 15:21:19 - visite: 78) »

:: Ad ogni costo (Pubblicato il 14/11/2017 00:54:34 - visite: 64) »